6 dicembre 2018
ore 5:30
di Francesco Nucera
 Per esperti

ANALISI STRATOSFERA - Seguiamo le vicende della stratosfera con un intenso riscaldamento che prende luogo in area siberiana e l'asse del vortice polare che ruota in senso antiorario. Il lavoro operato su di un fianco del vortice da tale riscaldamento determina da una parte la traslazione del core del vortice sul settore asiatico (displacement), dall'altro il ricompattamento del vortice stesso.

vortice polare stratosferico
vortice polare stratosferico

Da notare come le velocità zonali in stratosfera puntino verso il basso in terza decade, segnale di un nuovo disturbo stratosferico.

venti a 10 hPa
venti a 10 hPa

COSA E' LO STRATWARMING?E' un riscaldamento anomalo anche di +70°C della stratosfera terrestre, lo strato di atmosfera sopra i 12 km. A seconda della sua intensità può essere 'Minor' o 'Major':

RISCALDAMENTO MAJOR - Sono i più intensi e quelli che possono causare importanti variazioni alle condizioni meteo a scala emisferica. Oltre al forte riscaldamento della stratosfera questo tipo di riscaldamento si associa un cambio di circolazione dei venti in quota (a 10 hPa) alle latitudini polari a causa di una inversione del gradiente di temperatura. In questo caso si può determinare una suddivisione del vortice polare in due lobi (split) oppure si può verificare un coricamento' del vortice stesso. In pratica il vortice polare viene 'spodestato' dalla sua naturale sede.

RISCALDAMENTO MINOR- La stratosfera subisce un riscaldamento di circa +30°C in poco meno di una settimana. Possono esseri anche corposi ma in genere non riescono ad invertire la circolazione dei venti in quota. Possono causare una inversione del gradiente di temperatura.

displacement e split del vortice polare
displacement e split del vortice polare

I più importanti sono quelli che causano una suddivisione del vortice in due lobi (split). Le aree coinvolte dai gelidi lobi del vortice polare sono interessate da rilevanti ondate di freddo.

L'ultimo Stratwarming di tipo Major è quello del febbraio 2018 e che ha avuto importanti ripercussioni sullo stato del tempo in Europa. Gli SSW sono più probabili a metà dell'inverno ma sono rari i casi in cui si verificano a Novembre o a Marzo. Occhi dunque puntati alla circolazione stratosferica nei prossimi giorni
Articoli correlati

Scarica la nostra app ufficiale!

Commenti