10 gennaio 2020
ore 10:58
di Francesco Nucera
tempo di lettura
56 secondi
 Per esperti

Dopo il picco anomalo di Novembre, l'Indian Ocean Dipole si porta ora verso la neutralità. Questo allenta la situazione in Australia, situazione esasperata dal tipo di circolazione in via di risoluzione che abbiamo riscontrato in questa stagione (AAO negativo) a seguito del forte evento di riscaldamento stratosferico antartico. IOD e AAO sono stati dunque i drivers principali.

Nel frattempo sul Pacifico sono in 'vigore' le condizioni neutre o debolmente positive tipoche da El Nino Modoki. Secondo i modelli di previsione stagionali nella seconda parte del 2020 potremmo vedere La Nina, ovvero quel fenomeno caratterizzato da anomalie negative delle acque superficiali sul Pacifico tropicale.

Diversi studi e analisi mostrano come ci sia una correlazione tra lo IOD positivo e La Nina 14 mesi dopo il picco dello IOD. Esiste infatti un collegamento tra ENSO e IOD attraverso una modulazione della forza della circolazione di Walker. Seguiremo questa evoluzione non prima di attraversare la così detta 'barriera di primavera' quella situazione in cui le previsioni sull'andamento di questo fenomeno perdono di attendibilità 

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati