14 settembre 2019
ore 20:40
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 35 secondi
 Per tutti

Analisi: La seconda metà di Settembre vedrà un drastico cambiamento delle condizioni climatiche su diverse nazioni europee. Il calo termico per altro già iniziato in questi giorni sarà acuito dall'arrivo di un fronte freddo di matrice artico marittima a metà della prossima settimana. Obiettivo di questa fase che sarà di stampo tardo autunnale o persino a tratti invernale le regioni nord orientali, in primis Scandinavia, Danimarca e regione Baltica, poi parte del settore centro orientale, soprattutto Germania, Polonia. In una prima fase sarà lambito anche il Regno Unito.

Il clou dell'irruzione dovrebbe verificarsi tra il 18 e il 22 settembre poi l'arrivo dell'aria fredda nel cuore dell'Europa formerà un minimo di bassa pressione sul Baltico che richiamerà correnti più temperate da ovest e il freddo resterà confinato alla sola  Scandinavia settentrionale e parte della Russia. Proprio sulla Scandinavia e in particolare nell'area dei fiordi sono attesi i fenomeni più invernali con nevicate che potranno cadere fino a quote molto basse, non esclusa la prima neve della stagione a Tromso. Neve prevista anche in Russia soprattutto nella Penisola di Kola poi per il fine settimana nevicate non sono escluse fino a bassa quota anche sulla zona di San Pietroburgo e la Oblast di Mosca. Per quanto riguarda il settore centrale il fronte freddo sarà accompagnato da temporali e da un sensibile rinforzo dei venti con temperature in netto calo soprattutto nei valori minimi della notte che sulla Germania e la Polonia potrebbero scendere sotto la soglia dei 5°C. Il settore meridionale sarà solo lambito dal freddo con conseguenze da valutare anche per l'Italia.

Consulta la situazione in tempo reale attraverso le misure del satellite geostazionario acquisite e rielaborate da 3BMeteo.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati