3 novembre 2020
ore 11:55
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 4 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio (Fonte: PA)
Immagine di archivio (Fonte: PA)

Il weekend di Halloween è stato contraddistinto dal passaggio di una potente tempesta atlantica che ha coinvolto il Nord Europa e si è manifestata con condizioni di forte maltempo sul Regno Unito. In particolare è stata la Scozia l'area più esposta e più vicina al centro della tempesta. Qui si sono avuti venti le cui raffiche hanno superato i 120km/h sollevando onde gigantesche che si sono infrante sulle coste provocando pesanti mareggiate.

A causa dei venti tempestosi che hanno spazzato anche l'Inghilterra alcuni ponti sono stati chiusi alla circolazione a scopo precauzionale, come il Severn Bridge, che collega l'Inghilterra con il Galles e le città di Bristol e Cardiff. Le forti raffiche di vento hanno provocato il crollo di diversi alberi caduti sulle linee elettriche, causando diversi black out e lasciando circa 500 case senza corrente in tutto il West Country, fino alla Cornovaglia.

Insieme al vento tempestoso e al mare in burrasca si sono avute anche forti piogge durante il passaggio del fronte collegato al ciclone atlantico. In poco tempo su alcune zone occidentali del regno Unito sono stati registrati accumuli pluviometrici di oltre 50mm che hanno causato inondazioni improvvise con conseguenti disagi nella circolazione stradale.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati