18 marzo 2021
ore 7:40
di Francesco Nucera
tempo di lettura
2 minuti, 25 secondi
 Per esperti
vortice polare stratosferico
vortice polare stratosferico


E' in atto un cambiamento nello scenario dopo la forte zonalità che ha portato venti di tempesta sul Centro Nord Europa. L'anticiclone sposta i suoi massi in Atlantico mentre nel contempo ruota il suo asse verso il Mar di Norvergia. Masse d'aria fredda riattivano così condizioni invernali su diverse Nazioni d'Europa.

Maltempo invernale tra venerdì e il weekend
Maltempo invernale tra venerdì e il weekend

Lo stato di salute del vortice polare degli ultimi mesi è fotografato dall'indice NAM. Si scorge come  l'inverno sia dominato da un vortice polare debole per via dello Stratwarming. Da fine febbraio la situazione si è ribaltata con un vortice polare mediamente più forte. Il colore che dalle alte quote si estende verso il basso vuol dire che la stratosfera può influenzare il tempo delle medie latitudini. Qui potete leggere questo approfondimento.

Indice Nam (by stratobserve)
Indice Nam (by stratobserve)

L'AO index misura la forza del vortice polare. In inverno, coerentemente col NAM, l'AO index è rimasto negativo mentre da fine febbraio è tornato positivo. Da notare i picchi sia in negativo (-5 sigma a febbraio) che positivi in marzo. Dopo la prima influenza stratosferica sul jet stream che ha portato il picco oltre i +5 sigma dell'indice AO il 13 marzo, è attesa una seconda dopo il 20 marzo. 

Indice AO, si notano i picchi, uno negativo e due positivi
Indice AO, si notano i picchi, uno negativo e due positivi

Il mese di Marzo viene influenzato dalla stratosfera ma gli effetti non seguono un andamento classico da condizionamento dal momento che la comunicazione stratosfera-troposfera si presenta debole. La tendenza tuttavia è verso una predominanza zonale primaverile.

vorticità potenziali nel vortice polare
vorticità potenziali nel vortice polare

FINAL WARMING TARDIVO? Le previsioni mostrano uno spostamento del vortice stratosferico dalla Siberia verso il Polo

assumendo una forma più allungata con l'asse diretto dalla Siberia al Canada. Ad accompagnare questa evoluzione c'è un riscaldamento modesto della stratosfera che si associa ad un anticiclone sul Pacifico. L'azione ad un'onda ne determina un suo approfondimento e a un accentramento verso il Polo.


vortice polare si riaccentra
vortice polare si riaccentra

La tendenza ad un aumento delle temperature stratosferiche è ben visibile osservando il grafico qui di seguito.

andamento temperature a 10 hPa
andamento temperature a 10 hPa


Osservando le previsioni, le velocità del vortice polare stratosferico a 10 hPa tenderanno ad abbassarsi nel corso del mese di aprile e invertire il segno dopo il 15 aprile; questo fa suppore che l'ultimo riscaldamento della stratosfera polare o Final Warming possa essere tardivo.  I FW capitano tutti gli anni durante la primavera; gli effetti radiativi decretano la fine del vortice polare stratosferico che tornerà poi durante il corso dell'autunno. Al posto del vortice polare si forma un anticiclone polare stratosferico. Questo processo puo' essere però aiutato da effetti dinamici, ovvero da riscaldamenti che avvengono attraverso un trasporto di calore e quantità di moto dalla troposfera. Del resto si tratta di veri e propri stratwarming.; in questo caso il FW dinamico può avere maggiori possibilità di condizionare la circolazione troposferica. Ancora è piuttosto prematuro poter affrontare questo evento ma che seguiremo passo passo.

velocità a 10 hPa, invertirebbero il segno dopo il 15 aprile
velocità a 10 hPa, invertirebbero il segno dopo il 15 aprile

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati