15 gennaio 2022
ore 9:30
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 26 secondi
 Per tutti

TORNANO NEBBIA E INQUINAMENTO ALLE STELLE - Le condizioni anticicloniche che si sono consolidate sull'Italia avranno l'inevitabile conseguenza di favorire il ristagno di aria nei bassi strati e con essa anche nebbie e inquinanti. Se le nebbie non saranno particolarmente diffuse e durature nell'arco della giornata, un'attenzione va rivolta invece agli inquinanti soprattutto il particolato derivante dagli scarichi delle auto e dagli impianti industriali e di riscaldamento. Un mix che raggiungerà concentrazioni massime tra domenica e l'inizio della prossima settimana con valori ben oltre la soglia di normalità

SABATO - Vanno segnalate nebbie in generale poco durevoli e piuttosto isolate prevalentemente al mattino e in tarda serata sul triangolo padano e localmente nelle vallo toscane e umbre. Come inquinamento i livelli saranno già piuttosto alti sulla pianura lombarda orientale e su quella veneta con pm10 e pm2 fino a 80/100 microgrammi per metro cubo. Andra poco meglio sulle pianure piemontesi ed emiliane con valori fino a 60/80 microgrammi. Sul resto della Penisola valori normali, leggermente più alti fino a 40/50 microgrammi sulla Toscana settentrionale.  Tra le città più inquinate ci saranno Mantova, Verona, Legnago, Padova, Rovigo, Venezia. 

Ricordiamo che l'attenzione viene focalizzata soprattutto su questi due tipi di inquinanti solidi in quanto la dimensione delle particelle è sufficientemente piccola da poter essere inalata

DOMENICA - Vanno segnalate nebbie più diffuse sul settore padano centrale e nelle valli umbre e toscane ma solo di notte e fino alle prime ore del mattino. Come inquinamento invece la situazione peggiorerà su tutta la Val Padana con pm10 e pm2 oltre la soglia dei 100 microgrammi con punte anche di 120/130 microgrammi. Sul resto della Penisola la situazione sarà sostanzialmente uguale a quella del sabato. Tra le città più inquinate avremo Torino, Novara, Milano, Monza, Pavia, Cremona, Mantova, Verona, Legnago, Padova, Rovigo, Vicenza, Venezia

LUNEDÌ - Nebbie ancora diffuse al mattino sul settore padano centro orientale e nelle valli del centro, localmente persistenti anche durante il giorno sulle basse pianure venete. Come inquinamento avremo un miglioramento delle condizioni sulla Val Padana centro occidentale mentre tra le pianure lombarde orientali e quelle venete la situazione resterà pressoché stazionaria  con un possibile ulteriore aumento delle concentrazioni che saranno ben oltre i 100 microgrammi per metro cubo. Sul resto della Penisola avremo condizioni di inquinamento modesto salvo che sulle pianure laziali e campane dove è previsto inquinamento moderato. Tra le città più inquinate ancora Mantova, Legnago, Rovigo, Padova e si aggiungono anche Napoli e Caserta.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.


Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.



Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati