28 novembre 2022
ore 23:49
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 35 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

ARIA FREDDA IN ARRIVO, FIOCCHI FINO IN COLLINA. Un vortice depressionario agirà intorno all'Italia nella prima parte della settimana, alimentato da correnti fredde che affluiranno dall'Europa nordorientale fino a lambire il Mediterraneo. Sull'Italia ne conseguirà un tempo molto variabile nei prossimi giorni, a tratti instabile, con possibilità di nevicate sulle Alpi e su parte dell'Appennino. Non si tratterà comunque di fenomeni abbondanti, ma solo di alcune spruzzate di neve che potranno però manifestarsi localmente fino a quote collinari. Ecco nel dettaglio dove saranno più probabili i fiocchi nei prossimi giorni.

MARTEDI'. Deboli nevicate interesseranno l'arco alpino dai 700/1000m del settore orientale ai 1200m di quello occidentale, esaurendosi nel corso della giornata. Qualche fiocco anche sull'Appennino tosco-emiliano dai 700/900m ed entro sera sull'Appennino marchigiano dai 1000/1200m. Nevicate attese inoltre sui rilievi della Sicilia oltre i 1500m con coinvolgimento di Nebrodi e zona etnea, oltre che in Calabria a partire dai 1500m, in particolare sull'Aspromonte.

MERCOLEDI'. Qualche fiocco di neve potrà cadere sui rilievi marchigiani e su quelli abruzzesi oltre i 1000m circa, anche se si tratterà di fenomeni molto deboli. Nevicate più intense sono attese però sui rilievi calabro-lucani dai 1300/1500m, con accumuli che potrebbero farsi significativi sul Pollino e sulla Sila, anche di una ventina di centimetri. Ancora qualche fiocco in Sicilia oltre i 1500/1600m, tra Etna e Nebrodi.

GIOVEDI'. Deboli nevicate raggiungeranno le Alpi orientali tra il pomeriggio e la sera a quote superiori ai 1000m, fiocchi anche sull'Appennino romagnolo e su quello marchigiano dai 1000/1200m e a inizio giornata sui rilievi della Lucania.

TENDENZA SUCCESSIVA. Tra venerdì e il weekend altre nevicate saranno possibili sulle Alpi oltre i 600/800m e sull'Appennino settentrionale a quote poco superiori, anche se si tratterà sempre di fenomeni generalmente deboli.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati