24 settembre 2019
ore 8:37
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 15 secondi
 Per tutti

Mentre il Polo Nord  si riscalda a causa di una massiccia ondata di caldo di lontane origini africane, la Russia piomba in pieno inverno con bufere di neve precoci e temperature a tratti sotto zero. E' l'effetto tipico di una configurazione meteo denominata a Omega ( ῼ )perché vede due depressioni separate da un anticiclone. La depressione più occidentale è quella atlantica, subito a est c'è l'anticiclone sub tropicale che sta portando il caldo anomalo in Groenlandia e ancora più a est una seconda depressione che vede aria molto fredda di diretta estrazione artica scorrere verso il cuore della Russia, lambendo anche gli Stati europei orientali prospicienti.

Nevicate fino in pianura si sono così avute sulla Russia settentrionale, quasi fino a Mosca. Temperature minine fino a -1/-3°C si sono così registrate su gran parte della Russia centro-settentrionale ma non solo: questa mattina ritroviamo minime fino a 0/-2°C anche tra Ucraina centro-orientale ( -1°C a Kiev ), Bielorussia, Repubbliche Baltiche e Norvegia ( addirittura -4°C all'aeroporto di Minsk, capitale della Bielorussia ). Questa la situazione ieri a Ivanovo, non molto lontano da Mosca:

PREVISIONI PROSSIMI GIORNI - L'aria molto fredda continuerà ad insistere anche nelle prossime 48 ore con temperature decisamente sotto la media ma anche ulteriori rovesci di neve fin verso la pianura sull'alta Russia. Un graduale addolcimento termico è atteso da giovedì e nei giorni successivi a partire da Ovest. 

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati