25 giugno 2020
ore 11:32
di Carlo Migliore
tempo di lettura
57 secondi
 Per tutti

Un anticiclone ancora troppo sbilanciato verso il nord Europa con i massimi tra la Svezia e il Baltico, continua a consentire verso il settore centrale ed orientale infiltrazioni di aria fresca e fortemente instabile che hanno alimentato due vortici ciclonici tra Germania, Balcani, l'area danubiana e l'Ucraina. I temporali che si sono sviluppati sono stati anche molto violenti soprattutto in termini di precipitazioni. Vere e proprie inondazioni hanno colpito la Serbia, soprattutto la zona di Kraljevo.




Frane, smottamenti e interruzioni delle vie di comunicazione anche nella zona di Sarajevo

Forti piogge e allagamenti anche in Polonia, in particolare nella zona di Cracovia

Situazione pesante in Ucraina, soprattutto sui settori occidentali dello stato dove le forti precipitazioni hanno causato frane e ingrossato i fiumi provocando esondazioni nelle città, migliaia le evacuazioni con centinaia di persone che hanno perso la casa e purtroppo vengono segnalate anche tre vittime.

Nel contempo in Inghilterra, interessata dall'anticiclone le temperature massime schizzate fino ai 30°C hanno fatto fuggire tutti quanti verso il mare, nonostante l'emergenza covid-19 ancora in atto



Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati