14 marzo 2021
ore 7:56
di Francesco Nucera
tempo di lettura
3 minuti, 42 secondi
 Per tutti
anomalie pressione aprile-giugno secondo ecmwf
anomalie pressione aprile-giugno secondo ecmwf

N.B: Si tratta di scenari, previsioni sperimentali non utili per pianificare attività umane. Metodica ed uso


L'aggiornamento della primavera ricalca quanto già esposto nella precedente uscita con un avvio di stagione dinamico e con una graduale diminuzione della piovosità nel periodo centrale di stagione. Per un approfondimento tecnico per i più esperti circa la dinamica e gli scenari si rimanda all'APPENDICE AGLI SCENARI in fondo alla pagina.

SCENARIO ECMWF APRILE-MAGGIO-GIUGNO. Nel periodo in esame, secondo il modello europeo di Ecmwf, le anomalie di pressione positive risultano più marcate in Atlantico. Questo lascia intendere una buona attività dell'anticiclone delle Azzorre in allungamento verso l'Europa centrale con possibilità di inserimenti di fronti dal nord Europa sul Mediterraneo.

anomalie pressione aprile-giugno secondo ecmwf
anomalie pressione aprile-giugno secondo ecmwf

Le anomalie delle temperature sono attese sopra la media su diverse Nazioni eccetto che sull'Europa centro settentrionale dove il 'no signal' è considerato piu' tendente ad una anomalia leggermente negativa.

anomalie temperature attese nel periodo aprile-giugno secondo ecmwf
anomalie temperature attese nel periodo aprile-giugno secondo ecmwf


La piovosità risulta in media o di poco sotto media sull'Europa meridionale, sopra media sul nord Europa in particolare tra Scandinavia e Baltico. Nel trimestre successivo il modello non evidenziano anomalie particolari sul campo di pressione mentre l'anomalia di precipitazione via via piu' negativa è compatibile con un regime secco.

anomalie precipitazioni attese nel periodo aprile-giugno secondo ecmwf
anomalie precipitazioni attese nel periodo aprile-giugno secondo ecmwf


SCENARIO MET OFFICE APRILE-MAGGIO-GIUGNO: Il modello stagionale del MET OFFICE concorda sulla evoluzione del modello Ecmwf con anomalie di pressioni maggiori in Atlantico e sull'Europa orientale. Il tipo di 'forma' del campo barico è compatibile con degli affondi dal nord atlantico meno incisivi rispetto al precedente trimestre

Anomalie di pressione aprile-giugno secondo il met office
Anomalie di pressione aprile-giugno secondo il met office

Il trimestre maggio-giugno-luglio invece mostra una piovosità in aumento per via di pressioni più alte in Atlantico, più basse sull'Europa orientale. Questo potrebbe indurre a pensare che la parte conclusiva della primavera e l'inizio dell'estate possano essere piu' dinamiche con una piovosità in aumento.

Anomalie di pressione maggio-luglio secondo il met office
Anomalie di pressione maggio-luglio secondo il met office

APPENDICE AGLI SCENARI. L'inverno meteorologico è stato caratterizzato da un intenso evento di riscaldamento della stratosferica polare o STRATWARMING avvenuto nel mese di gennaio; esso ha condizionato la circolazione delle medie latitudini per oltre 40 giorni con un fronte polare basso alla base di una stagione dinamica. L'inverno è stato inoltre caratterizzato da un indice AO negativo per oltre 70 giorni, il valore più basso dopo l'inverno 2009. Terminati gli effetti dello Stratwarming il vortice polare stratosferico si è riformato dopo il quasi split.

Con l'avvio di marzo il vortice polare stratosferico si trova in una situazione completamente diversa rispetto all'inverno, più forte e con possibile effetto condizionante della circolazione troposferica secondo uno STRATCOOLING. Il primo impulso stratosferico avvenuto nei primi giorni di marzo ha indotto una accelerazione del jet stream contestualmente ad un picco dell'AO index che raggiunge la soglia dei +6 sigma nel periodo 11-12 marzo. Questo comporta un aumento temporaneo della zonalità che in Europa è venuta meno durante l'inverno. 

NAM index secondo GFS (fonte stratobserve)
NAM index secondo GFS (fonte stratobserve)

DIFFICOLTA' DI CONDIZIONAMENTO STRATOSFERICO. Tuttavia nonostante il NAM sia da condizionamento stratosferico c'è da dire che le vorticità potenziali del vortice polare sono deboli in quanto conseguenza del post stratwarming di gennaio. Questo lascia intendere che la trasmissione strato-tropo possa presentare stati di debolezza del segnale. E' ragionevole pensare dunque la difficoltà di interazione strato-tropo e che il condizionamento stratosferico sulla circolazione possa essere altalenante se non mancante. L'attività della troposfera infatti tenderebbe ad opporsi al condizionamento stratosferico e che invece è propenso per una zonalità. Per questo si ritiene che il regime circolatorio possa oscillare tra zonale (nao+) e promontorio atlantico (ATR) almeno nella prima parte di stagione comportando le fasi instabili e termicamente sotto media nel cuore dell'Europa.

vorticità potenziali nel vortice polare
vorticità potenziali nel vortice polare

FINAL WARMING TARDIVO? Il vortice polare stratosferico dovrebbe essere inoltre caratterizzato da un Final Warming tardivo; l'ultimo riscaldamento della stratosfera polare tardivo o Final Warming Late è una caratteristica comune degli anni caratterizzati da uno stratwarming major invernale. Se il FW risultasse dinamico allora potrebbe indurre maggiori effetti sulla circolazione. Il Met Office evidenzia un segnale in tal frangente sul finire della primavera.

Infine per quanto concerne la NAO stagionale il modello Ecmwf mostra la tendenza alla risalita in aprile contestualmente ad un incremento della zonalità ed una lieve discesa in maggio. Questo avvalora l'idea di un avvio di primavera dinamico seguito da condizioni più stabili per la risalita del fronte polare.

nao stagionale attesa da ecmwf
nao stagionale attesa da ecmwf

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati