18 settembre 2019
ore 18:04
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 48 secondi
 Per tutti

Situazione ore 17.30: La perturbazione alimentata da aria fredda di matrice nord europea ha ormai scavalcato completamente le Alpi raggiungendo le pianure del Nord. Il contrasto con l'aria caldo umida preesistente ha generato numerosi temporali frontali , dapprima isolati su basso Friuli, basso Veneto ed Emilia Romagna poi nelle ore tardo pomeridiane sempre più diffusi. Attualmente l'area temporalesca va dalla bassa Lombardia al basso Veneto estendendosi a Sud per buona parte dell'Emilia Romagna. Temporali si stanno organizzando in forma sempre più diffusa anche sul Piemonte occidentale mentre le schiarite prevalgono sulle Alpi centro orientali e sul resto dei settori di pianura, compreso la Liguria. I fenomeni sono risultati forti nel vicentino con punte fino a 75mm, forti anche sula provincia di Verona con punte di 50mm e mentre vi scriviamo sulla provincia di Parma e di Reggio Emilia soprattutto a ridosso dell'Appennino. Segnalate anche frequenti grandinate tra Emilia orientale e Mantovano. Sul resto della penisola condizioni anticicloniche con cieli solcati da poche nubi e temperature di stampo estivo. Nel corso delle prossime ore il fronte temporalesco scivolerà gradualmente verso sudest espandendosi in parte anche alle regioni occidentali, ne scaturirà un ulteriore peggioramento del tempo con fenomeni più diffusi e localmente intensi.

METEO ITALIA, PROSSIME ORE ROVESCI e TEMPORALI, ECCO DOVE - Instabilità in accentuazione nelle prossime ore al Nord con qualche pioggia o temporale sparso, al pomeriggio soprattutto tra centro-ovest Veneto, pianura lombarda ed Emilia Romagna, dalla sera più diffuso anche sul Nordovest. Fenomeni scarsi o assenti su Alpi centro-orientali, qui con ampie zone di sereno, nonchè sulla Liguria, dove ci sarà nuvolosità ma con eventuali precipitazioni isolate. Nel pomeriggio qualche rovescio o temporale sarà possibile poi sull'Appennino ed entro la sera/notte anche sul resto del Centro ma soprattutto sul versante adriatico. ATTENZIONE: i fenomeni saranno distribuiti in modo estremamente irregolare, trattandosi di un impulso instabile e non di una vera e propria perturbazione. Questo significa che i rovesci colpiranno alcune aree lasciandone altre limitrofe a secco. 

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati