28 gennaio 2021
ore 9:00
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 33 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. Il campo di alta pressione che sta cercando di espandersi dall'Europa sudoccidentale verso il Mediterraneo centrale e l'Italia non sarà destinato ad assumere un ruolo rilevante sulle nostre regioni e verrà ben presto relegato alle basse latitudini mediterranee. Lascerà così campo libero al flusso atlantico, che tra giovedì e venerdì riuscirà a scorrere almeno su parte delle nostre regioni. Lo farà con un primo impulso che già nel corso di mercoledì va addossandosi all'arco alpino e che nelle 24 ore successive si intensificherà dando luogo a diffuse nevicate sulle zone di confine. Sarà però accompagnato da correnti decisamente più miti che favoriranno un deciso rialzo delle temperature e del limite delle nevicate anche sull'arco alpino. Sul resto d'Italia saranno le regioni tirreniche quelle che vedranno una certa instabilità, esposte ad un teso flusso di correnti occidentali in quota. Incanalato nel mite flusso occidentale venerdì un nuovo impulso perturbato giungerà a breve distanza, provocando una recrudescenza dei fenomeni sulle Alpi, specie confinali, ma con neve a quote più elevate. Rapidamente si porterà al Centro-Sud coinvolgendo ancora una volta più da vicino il versante tirrenico. Ma vediamo nel dettagli:

METEO GIOVEDÌ. Addensamenti sulle Alpi con fenomeni più frequenti sui settori di confine dove nevicherà oltre i 900/1200m, in rialzo su quelli occidentali anche fino a 1700/1800m. Sul resto del nord cieli offuscati da stratificazioni medio-alte e addensamenti un po' più compatti sul Levante Ligure. Nuvolosità in aumento sulle regioni tirreniche con qualche pioggia a partire dalla Toscana, perlopiù debole, in estensione entro sera a Umbria, Lazio e alta Campania. Addensamenti irregolari anche in Sardegna ma in un contesto asciutto, schiarite prevalenti su adriatiche e resto del Sud. Temperature in aumento con punte di 14/16°C sulle isole, poco inferiori al Centro-Sud peninsulare, venti tesi da ovest-nordovest sui bacini occidentali, da sud sull'alto Tirreno.

METEO VENERDÌ. Giungerà il nuovo impulso perturbato da ovest sulle Alpi che seguirà a brevissima distanza dal precedente, determinando una intensificazione dei fenomeni soprattutto sui confini franco-svizzeri dove nevicherà oltre i 1500m, a quote più basse sui rilievi centro-orientali. Qualche pioggia nella prima parte della giornata su Spezzino, est Lombardia, Triveneto ed est Emilia, in successivo miglioramento. Rovesci nel pomeriggio su Marche, Umbria, interne tirreniche fino alla Calabria, ma con fenomeni che si esauriranno a partire dalla Toscana e con schiarite in avanzamento entro sera fino al Lazio. Venti tesi o forti occidentali, da sudest sull'Adriatico. Temperature in ulteriore aumento con punte di 18°C sulle isole maggiori, 15/17°C sul Centro-Sud peninsulare. Per la tendenza per il weekend clicca qui.


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.

Per sapere se sono previste eventuali allerte sulla tua località, e di che tipo, consulta la nostra sezione Allerte

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati