22 luglio 2022
ore 23:52
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 6 secondi
 Per tutti

QUALCOSA INIZIA A SMUOVERSI: non è il cambiamento che vorremmo e che possa mettere fine al grande caldo su tutta l'Italia ma è già qualcosa rispetto alla situazione stagnante dei giorni scorsi. La dipartita dell'anticiclone africano dal Centro-Nord Europa ad opera delle correnti atlantiche avrà delle conseguenze anche sull'Italia. L'abbassamento di latitudine della linea di instabilità che vedrà il transito di forti temporali tra la Francia e la Germania coinvolgerà anche alcune zone del Nord Italia, non solo i settori alpini e prealpini ma localmente anche le pianure. Sotto la lente i giorni compresi tra il 23 ed il 26 per due fronti in successione, il primo atteso sostanzialmente nella giornata di sabato soprattutto nella seconda parte, il secondo tra domenica e lunedì con un primo transito nella seconda parte della domenica e poi un successivo nella notte tra domenica e lunedì. Attualmente le tempistiche sono queste, poi potranno essere ritoccate nel corso dei prossimi aggiornamenti. Questo duplice passaggio temporalesco spingerà anche la cresta dell'anticiclone africano più a sud introducendo aria più fresca che abbasserà le temperature roventi su una parte della Penisola, quanto meno delle regioni settentrionali e di parte del Centro, poco domenica poi leggermente di più tra il 27-28 luglio. Adesso cerchiamo di focalizzare meglio la situazione con un maggiore dettaglio.

TEMPORALI SABATO: attesi soprattutto nella seconda parte della giornata, saranno più sparsi sui settori alpini centro orientali dove non si esclude qualche isolato fenomeno anche di forte intensità, isolati tra Valle d'Aosta, Piemonte occidentale e Liguria centro orientale. Non sono previsti altri temporali significativi sul resto dei settori.

In questo frangente non è previsto un calo delle temperature significativo salvo che strettamente nelle zone interessate dai fenomeni più sparsi. Persisteranno condizioni di caldo intenso

TEMPORALI TRA DOMENICA E LUNEDÌ: le tempistiche qui sono meno precise ma in linea di massima il  grosso dovrebbe passare tra la seconda parte della giornata di domenica e la mattinata di lunedì. Il passaggio sarà più incisivo e vedrà temporali anche forti, probabilmente tra l'alta Lombardia e il Triveneto con delle grandinate non escluse ma al momento difficili da inquadrare. 

Questo transito instabile avrà un effetto sul clima abbassando di qualche punto sia le massime che le minime su buona parte del Nord, una leggera diminuzione è prevista anche sulle regioni centrali. Al Sud persisterà il grande caldo.


Seguici su Google News


Articoli correlati