19 gennaio 2019
ore 9:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 35 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO SITUAZIONE STRATWARMING - L'Europa si appresta a vivere un nuovo periodo termicamente sotto media a causa degli effetti del compimento dello SPLIT DEL VORTICE POLARE DOPO IL FORTE STRATWARMING iniziato nel mese di dicembre. Il vortice polare, dopo il secondo riscaldamento stratosferico, ha subito una suddivisione; Gli effetti ora si vanno propagando anche IN TROPOSFERA tanto che la circolazione delle medie latitudini ne risentirà. Le ripercussioni non saranno di facile risoluzione; anche la prima decade di febbraio potrebbe essere compromessa con un sotto media termica in Europa. 

Il mese di gennaio finora è caratterizzato da queste anomalie di temperatura sul VECCHIO CONTINENTE.

La circolazione ha risentito del forte anticiclone addossato all'Europa. L'anomalia di geopotenziale ad Ovest del Regno Unito è stata la più importante in tal senso a livello globale.

Nel corso delle prossime settimane il sotto media si estenderà anche alle altre Nazioni. Ci sarà dunque un ribaltamento con l'inverno che si impossesserà anche di quegli Stati che fino ad ora sono rimasti a guardare. Molte Nazioni dalla Russia settentrionale, passando per baltico, Germania, Francia, Regno Unito e Spagna saranno attraversate dalle fredde correnti di aria artica; coinvolte anche l'Italia ed il Nord Africa. 

Proprio il Mediterraneo sarà la zona di scontro tra masse d'aria dalle caratteristiche diverse.  Il vortice stratosferico è previsto ricompattarsi proprio in concomitanza di un indebolimento di quello troposferico, segno del completamento del lungo episodio di stratwarming.

Per maggiori dettagli consultate anche la sezione meteo Italia

Per maggiori dettagli sulle precipitazioni previste consultate anche la nostra apposita sezione con le mappe pluviometriche

Nel weekend pioggia e neve fino a quote collinari. Clicca qui

Scopri le previsioni dettagliate per i prossimi giorni nella sezione Meteo Italia

Neve in arrivo? Scopri dove consultando le nostre mappe delle precipitazioni

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati