25 dicembre 2020
ore 21:38
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 29 secondi
 Per esperti
stratwarming confermato a fine mese
stratwarming confermato a fine mese

Continuiamo a monitorare la stratosferadal momento che è votata verso un deciso riscaldamento nei prossimi giorni. Si tratta di un riscaldamento in partenza dall'Asia, inizialmente a carico di un'onda e che provocherà un indebolimento del vortice polare stratosferico. (qui per sapere cosa è lo stratwarming). Questo riscaldamento è legato all'attrito generato dalla coppia di pressioni dell'anomalo anticiclone siberiano. 

stratwarming secondo il modello ecmwf per 3bmeteo
stratwarming secondo il modello ecmwf per 3bmeteo

Le ultime indicazioni del modello Ecmwf mostrano infatti un aumento dei membri con velocità a 10 hPa che invertono la loro direzione nella prima settimana di gennaio. La tendenza al 'reversal' è anche vista nella media delle previsioni. Si tratterebbe di uno Stratwarming Major dal momento che oltre al gradiente di temperatura si invertirebbe anche quello della circolazione dei venti. In pratica il vortice polare in dinamiche del genere sarebbe diviso in due lobi dalla genesi di un anticiclone polare.

venti a 10 hPa secondo Ecmwf
venti a 10 hPa secondo Ecmwf

Tale evoluzione stratosferica, che potrebbe influenzare il mese di gennaio, dovrà però essere confermata nei prossimi giorni. E' prematuro ad oggi tentare di capire gli effetti in troposfera, dunque le conseguenze. Non ci resta che aspettare.

Nel frattempo la troposfera si presenta piuttosto dinamica e le ondate di maltempo invernali in atto e attese nei prossimi giorni non dipendono dalla stratosfera. Interessante notare la tendenza verso un poderoso aumento dei geopotenziali sulla Groenlandia mentre continuerebbe a persistere l'anticiclone sugli Urali.

blocco anticiclonico sulla Groenlandia atteso
blocco anticiclonico sulla Groenlandia atteso

Questa situazione predisporrebbe il vortice polare ad un ulteriore indebolimento a tutte le quote nonché ad un regime da Nao negativa come viene previsto dallo stesso Ecmwf nella media delle previsioni. Insomma al netto degli eventuali sviluppi stratosferici è probabile che la prima decade di gennaio possa presentarsi ancora dinamica e con diversi spunti invernali.

regimi circolatori attesi da ecmwf
regimi circolatori attesi da ecmwf

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati