12 aprile 2021
ore 23:37
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 16 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

SITUAZIONE. La depressione secondaria che si sta formando ad inizio settimana sul Golfo Ligure piloterà una perturbazione che sta già provocando condizioni di maltempo lunedì sulle nostre regioni centro-settentrionali. L'aria fredda che alimenta il vortice è responsabile anche di nevicate sulle Alpi, ma en presto si riverserà verso sud facendo abbassare il limite delle nevicate anche sull'Appennino, specie da martedì. Nella giornata di oggi, lunedì, nevicate sono attese sulle Alpi centro-orientali, anche a quote inferiori ai 1000m, mentre in serata scenderanno fino a 1600/1700m sulla dorsale appenninica centro-settentrionale. I fenomeni andranno invece esaurendosi in giornata sulle Alpi occidentali, dove subentreranno schiarite.

MARTEDÌ. Il fronte si attarderà al Nordest, favorendo altre nevicate sulle Dolomiti già a partire dai 500m, anche se nel corso della giornata andranno attenuandosi fino ad esaurirsi. Nevicherà invece sull'Appennino con quota neve in calo fino a 600/800m sul settore tosco-emiliano, ma anche in questo caso i fenomeni subiranno una progressiva riduzione nel corso della giornata. Continuerà a nevicare sull'Appennino centrale fin verso sera, seppur a intermittenza, con quota neve intorno a  1200/1400m, anche sui rilievi campani e molisani, ma le nevicate più consistenti sono attese su quelli abruzzesi, con una quindicina di cm a 2000m.

MERCOLEDÌ i fenomeni risulteranno più deboli e sporadici, limitati prevalentemente all'Appennino, con qualche fiocco più probabile nel pomeriggio sul settore tosco-emiliano oltre i 1200/1300m, ma non sono attesi accumuli di rilievo.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati