28 ottobre 2019
ore 10:00
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 12 secondi
 Per tutti

Clima estremo negli USA: Nel corso delle ultime ore è andata intensificandosi sugli USA centro occidentali l'irruzione di aria polare cominciata nel weekend. Si tratta di una situazione davvero atipica perché grazie alla complicità di un potente anticiclone sul nord Pacifico americano l'aria fredda è riuscita a scivolare verso gli stati centro meridionali portando neve e temperature rigide, nettamente anomale per il periodo fin su Arizona e Colorado e in queste ore sta dilagando anche su Texas e Nuovo Messico.

Il Core del gelo si trova in questo momento tra Wyoming, Sud Dakota, Nebraska e Iowa, qui le minime della notte hanno fatto registrare valori in pianura fino a -5/-7°C mentre in montagna alla quota di 1000m si sono raggiunti i -15°C. Più a sud agisce invece il fronte perturbato associato all'irruzione fredda con precipitazioni nevose diffuse sullo stato del Colorado fino a quote molto basse. Neve anche a Denver con una temperatura  di -8°C. E se nevica così a sud potete facilmente immaginare cosa sta succedendo negli stati più settentrionali come il Montana, il Nord Dakota e il Minnesota. Se prendiamo come riferimento la città di Great Falls in Montana, sono caduti da settembre già 80cm di neve e siamo solo a fine ottobre, un record assoluto che batte quello precedente del 1984 quando caddero 45cm di neve.

Caldo anomalo a est: Mentre l'aria gelida dilaga sugli stati sud occidentali, il richiamo del fronte caldo sub tropicale sta spingendosi molto più a nord del normale finendo persino sul Canada. Guardate le anomalie termiche rispetto alle medie trentennali. Se un freddo senza precedenti sta interessando gli stati centrali con scarti fino a 25°C in meno sulle medie, sugli stati orientali abbiamo temperature più alte del normale fino a 6-8°C in più. Anche la Grande mela si crogiola con temperature minime di 12°C e massime fino a 22-23°C ma in Virginia si toccano addirittura i 30°C, è praticamente ancora estate piena!

E non è finita:nel corso delle prossime ore un nuovo impulso di aria polare in discesa dal Canada occidentale andrà a rincarare la dose. Questo a differenza del precedente dovrebbe riuscire a dilagare anche più a est mettendo in campo in profondo minimo di bassa pressione in grado di portare maltempo sugli stati orientali e con i contrasti termici che ci saranno potremmo assistere anche a temporali particolarmente violenti associati a tornado fuori stagione

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati