9 maggio 2020
ore 7:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 5 secondi
 Per tutti
vortice polare, scenario atteso
vortice polare, scenario atteso

Lo split (la divisione) del vortice polare sarà alla base di un importante cambiamento del tempo non solo in Europa ma anche sugli Stati Uniti. Questo avviene in concomitanza del Final warming che, dopo mesi e mesi caratterizzati da un forte vortice polare, ne determina la sua fine. Ma il FW non è la causa diretta seppur predispone la circolazione atmosferica in questa dinamica.

venti zonali a 10 hPa su base ECMWF
venti zonali a 10 hPa su base ECMWF

diretta

Ondate di freddo nel mese di maggio non sono una rarità;il passato racconta di come freddo e neve a bassa quota abbiano interessato la nostra Penisola e, ovviamente, diverse Nazioni d'Europa. Eclatanti sono le ondate di freddo del maggio 1957, 1963, 1991 e 2019. Ma furono freddi anche il 1960, il 1962 e il 1979. Questo era più frequente nel passato quando il mese mostrava annate termicamente sotto media su diversi Stati.

Il mese di maggio si è invece scaldato a partire dalla fine degli anni 90, proprio quando l'European Warming ha iniziato a farsi più incisivo. Il sopra media termico appare più evidente sull'Europa centro orientale e sulla Penisola Scandinava dove si registrano le anomalie maggiori. C'è da dire che a livello italiano l'anomalia positiva dell'ultimo decennio ha subito un lieve ribasso come conseguenza di afflussi freschi dal Nord Atlantico.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati