1 dicembre 2022
ore 10:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 15 secondi
 Per esperti
vortice polare stratosferico a 50 hPa
vortice polare stratosferico a 50 hPa


Un importante cambiamento di circolazione è atteso nel corso della prima decade di dicembre sull'emisfero nord con un forte disturbo al vortice polare. Nello specifico è atteso uno spostamento retrogrado dei massimi anticiclonici dalla Scandinavia alla Groenlandia con conseguente torsione del ramo del lembo del vortice polare siberiano che andrà ad allungarsi nel cuore dell'Europa. Quello Canadese andrà invece ad agire sul Nord America. Questo aumenta le possibilità che masse d'aria fredda si riversino sul Vecchio Continente da una parte, del Nord America dall'altro. L'argomento riguarda il comportamento del vortice polare, non dell'Italia dove le conseguenze andranno ancora valutate.

vortice polare troposferico
vortice polare troposferico

Un parametro di misura del forte disturbo al vortice polare è descritto dagli indici NAO e AO che sono attesi su valori molto negativi; questa situazione rientra nelle annate quali  1962, 1969, 2000, 2009, 2010; in particolare è dal 2010 che non si registrano valori giornalieri ampiamente negativi degli indici.

reanalisi dicembre che si avvicinano al 2022
reanalisi dicembre che si avvicinano al 2022

Il poderoso blocco anticiclonico sulla Scandinavia deriva da cause troposferiche ma viene mantenuto e incentivato dal vortice polare stratosferico che, nei suoi piani più bassi subisce un quasi split per via proprio del grosso disturbo generato dall'anticiclone groenlandese (riflessione d'onda). Questo ipotizza come questa situazione sia di non facile risoluzione e possa condizionare una buona parte del mese di dicembre, aumentando così il potenziale per lunghi periodi con temperature al di sotto della media su diverse nazioni d'Europa, specie centro settentrionale, e del Nord America con acceso dinamismo.


Seguici su Google News


Articoli correlati