3 febbraio 2021
ore 20:35
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 45 secondi
 Per tutti
vortice polare disturbato
vortice polare disturbato


Il vortice polare continuerà a rimanere debole anche nel corso del mese di febbraio; il forte stratwarming - riscaldamento della stratosfera polare-avvenuto nel mese di gennaio continuerà ancora a condizionare la circolazione delle medie latitudini. Questo avverrà indipendentemente dall'atteso rinforzo del vortice stratosferico dopo l'ultimo indebolimento di questi giorni e caratterizzato anche da una temporanea inversione dei venti a 10 hPa. 

Vortice polare stratosferico
Vortice polare stratosferico

Sia lo stratwarming, sia alcune condizioni troposferiche, sono alla base di un cambio di scenario a livello emisferico, con un poderoso rinforzo degli anticicloni sulla Groenlandia, dunque un vortice polare che proseguirà ad essere debole. Nei prossimi giorni avremo una forte bilobazione del vortice polare o un quasi split di quello troposferico; il lobo artico canadese andrà ad interessare il Nord America con una massiccia irruzione gelida che raggiungerà il Golfo del Messico. Un secondo nor'easter non è escluso possa formarsi nel weekend dopo quello degli ultimi giorni

attesa una massiccia irruzione di aria gelida sul Nord America
attesa una massiccia irruzione di aria gelida sul Nord America

mentre quello siberiano tornerà ad allungarsi verso l'Europa settentrionale. Tuttavia la mancanza di radici solide dell'anticiclone in Atlantico e una roccaforte troppo occidentale di quello Groenlandese confineranno il grande freddo a nord delle Alpi. L'aria artica continentale dopo aver attraversato Nord Russia, Baltico, Scandinavia, Danimarca e Polonia raggiungerà con un moto retrogrado (est verso ovest) la Gran Bretagna e lambendo il nord della Francia; l'interferenza con l'aria atlantica porterà degli episodi di neve a bassa quota. Di contro un respiro più umido dentro un corridoio oceanico raggiungerà l'Europa meridionale e l'Italia attraverso una serie di peggioramenti almeno fino allo scadere della prima decade di febbraio se non oltre. Le temperature risulteranno sopra le medie.

anomalie temperatura attese a 2m
anomalie temperatura attese a 2m

Successivamente, attorno la metà del mese, l'evoluzione è tutta da valutare in base alla risoluzione del blocco groenlandese e a un trasporto di quantità di moto dai tropici verso le zone polari. Questo potrebbe favorire un aumento della pressione tra Atlantico ed Europa occidentale e la chiusura del 'rubinetto' atlantico come lascia intendere il modello Ecmwf. 

anomalie geopotenziale a 500hPa secondo ecmwf
anomalie geopotenziale a 500hPa secondo ecmwf

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati