22 novembre 2018
ore 8:10
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 0 secondi
 Per tutti

Sin dalle prime ore di venerdì la nuova perturbazione attesa dall'Atlantico verso le regioni settentrionali inizierà a produrre i primi fenomeni anche sulle Alpi occidentali ed in particolare su quelle Liguri-Marittime dai 900m. In giornata il fronte avanzerà verso est con fenomeni che entro sera interesseranno anche buona parte delle Dolomiti, seppur di debole intensità, più intensi invece su Alpi piemontesi e centro-est Valle d'Aosta. Limite neve tra 900 e 1200m sul settore alpino centro-occidentale, 1200/1400m su quello centro-orientale.


Sabato la perturbazione avanzerà verso est e darà luogo alle ultime nevicate sulle Alpi occidentali, dove si andrà verso un miglioramento. Fenomeni che si intensificheranno moderatamente su Alpi Retiche, Trentino Alto Adige e tutto il settore dolomitico, per poi esaurirsi anche qui entro sera. Limite neve sui 1200/1400m al mattino, in rialzo a 1500/1700m in serata.

La massime intensità dei fenomeni verrà probabilmente raggiunta nella notte tra venerdì e sabato sul settore alpino centrale, sulle Alpi lombarde e zone limitrofe, con accumuli di neve fresca fino a 20/30cm oltre i 2000m.

Per le precipitazioni previste clicca qui

Per le previsioni grafiche clicca qui

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati