18 dicembre 2019
ore 16:53
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 8 secondi
 Per tutti

Il pianeta Terra è un ecosistema molto complesso in cui ogni variazione anche minima, influenza inevitabilmente tutte le dinamiche da quelle più semplici a quelle più complesse in una continua ricerca di nuovi equilibri. Com'è ormai noto, l'aumento dell'anidride carbonica a causa dell'attività umana in atmosfera sta condizionando il clima del pianeta ma non tutti sanno che la CO2 immessa nell'aria finisce anche negli oceani con conseguenze non meno importanti.

L'anidride carbonica disciolta in acqua produce infatti acido carbonico, un'acido debole ma che tuttavia può influenzare la vita di molte specie animali, soprattutto di quelle che necessitano di un guscio per sopravvivere. Oceani più acidi significa necessità per gli organismi a scheletro o esoscheletro rigido come molluschi,  coralli e non solo di costruirsi case più resistenti, quindi gusci più spessi e la possibilità di riuscire a fare questo dipende soprattutto dalla quantità di calcio presente nell'acqua e dalla sua temperatura. In un recente studio effettuato su dei piccoli organismi marini planctonici chiamati foraminiferi si è notato che a causa dell'aumento di acidità degli oceani, i gusci di queste creature si sono andati assottigliando sempre più nel tempo. Se questo aumento di PH continuerà esistono concrete possibilità che alcune specie possano estinguersi con conseguenze anche gravi sull'intero ecosistema.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati