24 febbraio 2020
ore 17:44
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 56 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO, COMUNICATO UFFICIALE SULLE CONDIZIONI METEO STRAORDINARIE ALLE ISOLE CANARIE DA PARTE DELL'ASSESSORATO DEL TURISMO, DELL'INDUSTRIA E DEL COMMERCIO -  Le Isole Canarie stanno affrontando una situazione atmosferica eccezionale a causa dellacombinazione di forti venti e del fenomeno atmosferico della calima (polvere di sabbiasospesa nell'aria in quantità superiori al normale). Tale situazione atmosferica comporta generalmente problemi di visibilità che hanno interessato il traffico aereo nelle Isole Canarie per l'intera giornata di ieri, domenica 23 febbraio. Attualmente, secondo fonti Aena (Aeropuertos Españoles y Navegación Aérea), tutti gli aeroporti delle Isole Canarie sono operativi tranne quello di Tenerife-Sud o Aeroporto Reina Sofía. I passeggeri che non sono stati in grado di imbarcarsi sui voli di ritorno a causa della sospensione delle tratte sono stati trasferiti e sono in attesa della riprogrammazione deivoli da parte delle rispettive compagnie. I forti venti hanno indotto il governo a dichiarare l'allerta per il rischio di incendi e duediversi roghi sono attualmente sotto controllo nelle città di Santa Úrsula (Tenerife) e Tasarte (Gran Canaria). Data la situazione, è stato raccomandato di ridurre gli spostamenti e le attività all'aperto in alcune aree e di rimanere all'interno dei locali per precauzione. L'attivazione di tutte queste misure soddisfa i criteri per garantire la sicurezza degliabitanti e dei turisti. Ad oggi non risulta nessun ferito e nessuno ha riscontrato problemi disalute. Le previsioni meteorologiche annunciano un miglioramento delle condizioni atmosferichenelle prossime ore, soprattutto per quanto riguarda il vento. La Calima inizierà a dimiure a partire da martedì 25 febbraio.

Una tempesta di sabbia è tecnicamente impossibile sulle Isole Canarie ma in casi particolari la sabbia del deserto sahariano può sforare sull'oceano e raggiungere l'arcipelago, anche in grande quantità, tanto da tingere di rosso i cieli e conferire al paesaggio un aspetto decisamente marziano. E' quello che è accaduto ieri 22 febbraio a causa di una depressione poco a largo delle isole che ha richiamato dal Marocco una vera e propria lingua di sabbia rossa, perfettamente visibile anche dalle immagini satellitari. L'aria era cosi satura di pulviscolo che sono stati sospesi anche tutti i voli aerei. Guardate che aspetto aveva Fuerteventura. VIDEO

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati