6 novembre 2020
ore 16:34
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 11 secondi
 Per tutti
Quella che circa 4-5mila anni fa era una grande isola ora è un insieme di 140 isolotti
Quella che circa 4-5mila anni fa era una grande isola ora è un insieme di 140 isolotti

E' ACCADUTO IN PASSATO E ACCADRA' DI NUOVO: le variazioni del livello marino nel corso delle ere geologiche si sono rese responsabili di cambiamenti anche drastici nella morfologia delle terre emerse. Zone che ora sono sommerse un tempo hanno costituito i ponti di attraversamento per le specie animali da un continente all'altro e viceversa zone che nel corso del tempo si sono inabissate hanno creato delle interruzioni nei legami tra le specie con l'isolamento di diverse linee biologiche, si veda ad esempio l'Australia con i suoi marsupiali. 

La Terra è un sistema isolato, tutta l'acqua che contiene tra quella dolce e quella salata rimane costante ma non è costante la sua collocazione considerando che l'acqua può essere intrappolata nelle calotte glaciali e nei ghiacciai sulle terre emerse. 125mila anni fa durante l'ultimo periodo interglaciale il livello del mare era ben 7 metri più alto dell'attuale mentre nell'ultima glaciazione circa 20mila anni fa il livello del mare era almeno 120m più basso di quello attuale. A queste variazioni macroscopiche si sono intervallate variazioni più contenute che si sono assestate più o meno al livello attuale subito dopo la fase di riscaldamento iniziata 15mila anni fa.

IL CASO DELL'ISOLA DI SCILLY: L'attuale isola di Scilly al largo della Gran Bretagna, qualche migliaio di anni fa (4-5mila anni) era una grande unica isola che nel corso del tempo si è letteralmente frammentata in 140 isolotti a causa dell'innalzamento del livello del mare: lo indica la ricostruzione della storia di quest'area costiera fatta lungo un arco di 12.000 anni, pubblicata dall'Università dell'Exeter sulla rivista Science Advances. Basandosi sull'analisi dei pollini, del carbone e dei reperti archeologici trovati sull'isola, i ricercatori guidati da Robert Barnett hanno sviluppato la curva che descrive l'andamento del livello del mare nell'arco di 12.000 anni, scoprendo che fra 5.000 e 4.000 anni fa l'isola di Scilly è stata gradualmente sommersa. In quel periodo il livello del mare si alzava al punto da sommergere ogni anno un'estensione di terreno di circa 10.000 metri quadrati, pari ad uno stadio da rubgy. Una velocità di circa 1-2mm all'anno. 

1-2mm/anno potrebbero sembrare pochi ma se consideriamo l'attuale crescita del livello marino causato dal riscaldamento globale ci accorgiamo che essa è di 3.6mm all'anno (quasi il doppio), in pratica l'attività umana riuscirà a causare un innalzamento del livello marino più veloce di quanto non abbiano mai fatto le forze naturali del pianeta. Una cosa su cui riflettere...


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati