12 gennaio 2021
ore 13:01
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 33 secondi
 Per tutti

GELO ARTICO ORA PUNTA L'EUROPA ORIENTALE: dopo un paio di settimane caratterizzate dalla discesa di impulsi di aria artica verso il comparto occidentale, culminate con la nevicata record di Madrid, il gelo adesso punta l'Europa centro orientale con la complicità di un campo di alta pressione che andrà a riportare stabilità e clima mite su Penisola Iberica, Francia e Regno Unito. Il ribaltone riguarderà soprattutto Turchia e Mar Nero dove le temperature sono state particolarmente miti e tutt'ora lo sono ancora in parte. Qui il calo termico sarà drastico con la neve che toccherà anche le zone costiere della Grecia e della Turchia, probabilmente spingendosi fino alle isole dell'Egeo. Ma le temperature scenderanno ulteriormente anche su Austria, Germania, Polonia, Ungheria, Romania e tutta l'area balcanica dove fa già piuttosto freddo. Qui il gelo sarà secco con precipitazioni nevose assenti o molto scarse trattandosi di correnti continentali provenienti dalla Russia. Nevicate potranno interessare solo i settori che si affacciano sul Baltico e in parte sul Mare del Nord per lo scorrimento della massa gelida sulla superficie del mare che andrà a formare addensamenti nuvolosi in stile "Lake Effect Snow" americano. 

Molti si stanno chiedendo da giorni che effetto avrà sull'Italia questa nuova irruzione fredda e soprattutto se si potrà verificare quello che di solito accade quando le correnti continentali russe raggiungono la nostra penisola scorrendo sul mare Adriatico, ovvero l'Adriatic effect snow, le nevicate sulle coste delle nostre regioni orientali. 

A parte un drastico calo termico, acuito anche dal rinforzo dei venti, non sembra che possano esserci nevicate lungo l'Adriatico in quanto l'irruzione si dirigerà soprattutto sull'area balcanica. Qualche fiocco fino a bassa quota non è escluso ma si tratterà di episodi sporadici.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati