5 maggio 2019
ore 21:50
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
46 secondi
 Per tutti

Si è ormai dissipato sulle zone interne dell'India nordorientale e del Bangladesh il mostruoso ciclone Fani, che il 3 maggio dal Golfo del Bengala ha fatto landfall sullo stato di Odisha, nell'India nordorientale. Le piogge torrenziali che sono proseguite dopi il suo impatto sulla costa, con venti fino a 250km/h e onde gigantersche, hanno provocato la morte di 15 persone e prima ancora hanno portato all'evacuazione di circa un milione di persone.



Si è trattato del quarto ciclone tropicale che negli ultimi 30 anni ha interessato le coste dell'India orientale, il più forte dei quali causò nel 1999 la morte di 10 mila persone. Le condizioni meteorologiche si sono ora calmate su Golfo del Bengala, India e Bangladesh e la situazione si è fatta più stabile, tanto che dall'inizio della settimana e almeno fino a metà il tempo si manterrà asciutto e in gran parte soleggiato.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati