Redazione 3BMeteo
25 marzo 2019
ore 6:10
Redazione 3BMeteo
tempo di lettura
1 minuto, 42 secondi
 Per tutti

Il passaggio del fronte freddo che, a partire dalla serata di lunedì, riverserà aria di origine artica su gran parte d'Italia, sarà accompagnato da un generale rinforzo dei venti sul nostro Paese. Le correnti tenderanno a disporsi quasi ovunque dai quadranti settentrionali, con le raffiche più intense attese sulle regioni del medio alto versante adriatico, su mar Ligure, Alto Tirreno e sulle coste della Sardegna. Sono attese raffiche che localmente potranno raggiungere o superare i 70/80 km/h.

LUNEDÌ SERA/NOTTE IMPETUOSI VENTI DI GRECALE - Tra la sera e la notte di lunedì, in concomitanza con l'ingresso del sistema frontale, forti raffiche di grecale sferzeranno le coste del medio alto versante adriatico (attese punte di 70-80 km/h) con bora a Trieste.  Forti venti Fohn sono attesi tra Piemonte orientale e Lombardia occidentale (compresa la città di Milano), mentre sulle coste della Liguria le raffiche di Tramontana potranno raggiungere anche gli 80-90 km/h.

MARTEDÌ VENTI FORTI IN MOLTE REGIONI - Nelle ore successive l'ingresso dell'aria fredda di matrice artica favorirà la formazione di un minimo depressionario sul Tirreno centrale,ad est della Sardegna. I venti tenderanno così ad intensificarsi, disponendosi in maniera ciclonica attorno a questo minimo: da N/NO su Mar di Sardegna e da O/SO sulle coste occidentali della Sicilia, mentre sul resto d'Italia persisteranno correnti tese di Grecale. Le raffiche più intense sono attese nei bacini occidentali, con punte di 80/100 km/h sulla Sardegna, Canale di Sicilia e medio basso versante tirrenico.

TENDENZA GIORNI SUCCESSIVI - Anche nelle giornate di mercoledì e giovedì sull'Italia continueranno a soffiare venti tesi di Grecale, con raffiche ancora piuttosto intense che continueranno ad interessare in particolare le regioni centro meridionali.

Tracollo termico nelle prossime ore. Atteso un calo di oltre 10°C. I dettagli

Atteso il ritorno della neve su Alpi e Appennini. Ecco il nostro approfondimento.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati