28 giugno 2020
ore 23:50
di Andrea Vuolo
tempo di lettura
2 minuti, 34 secondi
 Per tutti
Tendenza meteo 4-6 luglio
Tendenza meteo 4-6 luglio

SITUAZIONE E PREVISIONI PROSSIMI GIORNI - Dopo una lunga fase di dinamicità meteorologica su Italia e Mediterraneo, è tornato a rinforzarsi un campo anticiclonico di estrazione subtropicale su tutta l'Europa sud-occidentale e sui Paesi alpini, favorito anche dall'approfondimento di una circolazione depressionaria in aperto Atlantico, la quale determina condizioni di tempo spiccatamente instabile soprattutto tra Islanda, Irlanda, Scozia e Regno Unito. La fase anticiclonica sull'Europa meridionale e orientale sembrerebbe poter persistere almeno fino ai primi giorni di luglio, determinando un'intensa ondata di calore in particolar modo sui Paesi mediterranei, dove si potranno toccare anche picchi di 40°C tra il weekend e la prima parte della prossima settimana, fin verso l'inizio di luglio, Sud Italia compresa.

Media di ensemble del modello inglese ECMWF relativa all'anomalia di Altezza di Geopotenziale a 500 hPa (circa 5.500 metri) per il periodo 29 giugno - 5 luglio 2020
Media di ensemble del modello inglese ECMWF relativa all'anomalia di Altezza di Geopotenziale a 500 hPa (circa 5.500 metri) per il periodo 29 giugno - 5 luglio 2020

TENDENZA 29 GIUGNO - 5 LUGLIO 2020 - Atteso un ulteriore approfondimento di una circolazione depressionaria alle alte latitudini europee, con minimo di pressione al suolo che potrebbe sfiorare i 990 hPa sulla Penisola scandinava, con condizioni di tempo a tratti perturbato e temperature sotto le medie del periodo anche su Regno Unito, Germania settentrionale e Paesi baltici. Anticiclone subtropicale dominante invece sull'Europa centro-meridionale, inclusi i Paesi alpini, Balcani e il Mediterraneo, con temperature in ulteriore aumento su valori localmente prossimi ai 40°C su aree interne della Penisola iberica e dell'Italia meridionale (incluse le Isole maggiori) pur con la possibilità di temporali di calore sui rilievi montuosi alpini. Sul finire del periodo, in particolare intorno al 4-5 luglio, possibile abbassamento latitudinale del flusso occidentale atlantico, con probabile avvezione di aria più fresca in quota sulle Alpi e sul Nord Italia che potrebbe determinare un intenso passaggio temporalesco, insieme ad un primo generale calo delle temperature anche in Val Padana e successivamente verso le regioni centrali e i Balcani.

Media di ensemble del modello inglese ECMWF relativa all'anomalia di Altezza di Geopotenziale a 500 hPa (circa 5.500 metri) per il periodo 6-12 luglio 2020
Media di ensemble del modello inglese ECMWF relativa all'anomalia di Altezza di Geopotenziale a 500 hPa (circa 5.500 metri) per il periodo 6-12 luglio 2020

TENDENZA 6-12 LUGLIO 2020 - La discesa di una saccatura di origine polare-marittima in direzione dei Balcani, in concomitanza di un rinforzo dell'anticiclone subtropicale tra Penisola iberica e Atlantico orientale, potrebbe favorire l'isolamento di una circolazione depressionaria in quota (ricolma di aria più fresca) sull'Europa sud-orientale e sull'Egeo, responsabile di una fase decisamente instabile con frequenti rovesci e temporali anche sull'Italia, in particolare su regioni di Nordest, adriatiche e Sud, aree che potrebbero trovarsi più esposte al conseguente flusso di venti più freschi nord-orientali. Conseguentemente si potrebbero registrare importanti anomalie termiche tra Spagna e Portogallo, interessante dall'avvezione di aria caldo di estrazione subtropicale-continentale. 

Il mese di luglio potrebbe dunque partire all'insegna dell'anticiclone e del caldo sull'Italia, a tratti anche afoso, in seguito smorzato da un possibile importante passaggio temporalesco con aria piuttosto fresca al seguito nel periodo compreso tra il 4 e il 9 luglio, dapprima sulle regioni settentrionali e successivamente su quelle centrali e meridionali. Seguiranno importanti aggiornamenti in merito.

Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.

Consulta la situazione in tempo reale attraverso le misure del satellite geostazionario acquisite e rielaborate da 3BMeteo.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati