22 gennaio 2019
ore 7:50
di Daniele Berlusconi
tempo di lettura
2 minuti, 51 secondi
 Per tutti

SETTIMANA CON IMPULSO POLARE VERSO L'ITALIA - E' confermato l'impianto barico della settimana. Un intenso e veloce impulso polare proveniente dal Mar di Labrador si sta staccando dal vortice polare e si metterà in moto verso l'Europa centro-occidentale, tuffandosi poi anche su Italia e Mediterraneo centrale. Un simile affondo provocherà un deciso scombussolamento in area Mediterranea dando vita ad un vero e proprio ciclone mediterraneo responsabile di ondate di maltempo sull'Italia, specie centro-meridionale. Ad oggi il vortice dovrebbe prendere vita e approfondirsi tra Corsica e Tirreno, seppur la modellistica numerica, come è consueto in queste situazioni, lascia spazio ancora a qualche incertezza. Considerata l'estrazione della massa d'aria, in partenza molto fredda, ma che tuttavia attraverserà porzioni di oceano più miti e dunque perderà un po' le sue caratteristiche originarie nei bassi strati quando giungerà sulle nostre regioni, ci attendiamo tendenzialmente nevicate a quote basse, ma in pianura e sulle coste laddove solo le condizioni di volta in volta lo permetteranno.

MALTEMPO AL CENTRO-SUD TRA LUNEDI' E MARTEDI' - Nel frattempo tra lunedì e martedì avremo una depressione che dal Nord Africa si porterà verso il Centrosud, con condizioni di maltempo specie su Isole e versante tirrenico. Sarà tuttavia interessato anche in versante adriatico, dove il richiamo di aria più fredda continentale potrebbe favorire neve a quote basse tra Emilia orientale, Romagna e Marche, in risalita a fine martedì anche sul basso Triveneto, oltre 500-1000m sul resto del Centro, a quote superiori al Sud ma in calo sotto i 1000m entro martedì tra Campania, Puglia, Basilicata. Qui maggiori dettagli. 

TRA MERCOLEDI' E GIOVEDI' CICLONE MEDITERRANEO, VENTI FORTI E NEVE FINO IN PIANURA - Mercoledì giungerà il vero e proprio impulso che darà vita a un nuovo vortice di bassa pressione, che probabilmente si porterà rapidamente dal Ligure verso il Sud Italia. Per via di questa rapida evoluzione il maltempo interesserà ancora una volta soprattutto al Centrosud con piogge e nevicate talora copiose in Appennino dai 700-1000m, ma anche fino in collina al Centro e Sardegna (se non a tratti sulle pianure più interne della Toscana). Nel frattempo le tirreniche potranno sperimentare frequenti temporali anche di forte intensità e accompagnati da grandine e colpi di vento. Il Nord sarà marginalmente coinvolto mercoledì con piogge sulle coste liguri e qualche nevicata fino in pianura in risalita in primis su Emilia, basso Piemonte, Liguria interna e bassa Valpadana, ma in rapido esaurimento entro la notte. Giovedì ritroveremo ancora maltempo diffuso sulle regioni centro-meridionali (ultimi fenomeni anche sull'Emilia Romagna meridionale), mentre sarà asciutto sul resto del Nord con tendenza a schiarite. Una simile depressione (minimo barico previsto fino a 980 hPa) sarà ovviamente accompagnata anche da venti molto forti a rotazione ciclonica, specie su Tirreno e Isole dove si potrebbero ampiamente superare i 100km/h di raffica.

A seguire la situazione rimane piuttosto movimentata e dinamica anche per gli ultimi giorni di Gennaio con possibili nuovi episodi di maltempo invernale.

Per tutti i i dettagli e le previsioni aggiornate vi invitiamo a seguire tutti i prossimi aggiornamenti. La situazione è molto dinamica e soggetta a cambiamenti anche a a breve termine.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati