21 settembre 2019
ore 13:53
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 58 secondi
 Per tutti

Ci sono ben quatto sistemi tropicali contemporaneamente in azione tra Oceano Atlantico e Pacifico. Kiko, Mario e Lorena vicini alla West Coast degli USA, Jerry sulla East Costa. Sul Pacifico il più importante è Lorena, un uragano di categoria 1 che si trova alle coordinate 24.6N 110.3W, ovvero pochi chilometri a nord di La Paz, capitale dello stato della Bassa California del Sud e che ha già provocato una vittima per il mare in tempesta. Si sposta verso nordovest alla velocità di 13km/h con venti che raggiungono i 120km/h e transita lungo la costa orientale della Bassa California dove sta provocando condizioni di forte maltempo con piogge torrenziali.

Ciò nonostante è stato evitato un landfall diretto dell'uragano sulla terraferma, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi e devastanti. A scopo preventivo sono state effettuate molte evacuazioni. Venerdì residenti e turisti a Cabo San Lucas e San Jose del Cabo si sono accalcati in case, rifugi e hotel per sfuggire alla furia dell'uragano. Polizia e militari hanno attraversato i quartieri più poveri di Los Cabos esortando le persone ad evacuare.


Lorena sta proseguendo la sua corsa verso latitudini più settentrionali e tra domenica e lunedì farà un nuovo landfall sulle coste del Messico settentrionale, nello stato di Sonora, ma avrà ormai perso parte della sua energia e sarà declassato a tempesta tropicale.

Sempre sul Pacifico ritroviamo Kiko e Mario, due tempeste tropicali. Kiko si sposta verso ovest e rimane in azione in pieno Oceano Pacifico senza interessare le terraferma, ma sul finire della prossima settimana potrebbe avvicinarsi alle Hawaii con intensità ancora invariata. Anche Mario è una tempesta tropicale e minaccia la Bassa California, seppur con una rotta che fino ad oggi sembra risultare parallele alla costa, senza landfall in previsione.

Sull'Atlantico è in azione la tempesta tropicale Jerry, posizionata con il suo centro alle coordinate 21.4N 64.0W, ovvero a circa 400km a nordest di Portorico. Jerry si sposta verso nordovest a 21km/h scorrendo sulle calde acque atlantiche senza interessare la terraferma. Da metà settimana punterà verso nordest e molto probabilmente verrà in seguito assorbito dal flusso atlantico, dirigendosi verso il continente europeo come normale perturbazione.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati