9 ottobre 2019
ore 12:25
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 52 secondi
 Per tutti

Sono davvero dinamiche le prospettive sul breve termine per gran parte degli stati occidentali degli USA, che al momento stanno vivendo un'intensa appendice estiva con caldo intenso e temperature addirittura soffocanti sull'area dei Four Corners, ovvero il confine tra gli stati di Utah, Colorado, Arizona e New Mexico. La lingua calda che si innalza dal Tropico riesce in realtà a spingersi anche più a nord, seppur con caratteristiche termiche meno estreme, raggiungendo Idaho, Wyoming e zone nordoccidentali del Midwest.

Ieri, martedì, nel Colorado sono stati raggiunti valori massimi di ben 34°C a 1500m (Fronte Range Airport) e oggi, nella non lontana Denver, posta ad una quota simile, sono previste temperature massime fino a 29°C. Ma la fiammata tropicale durerà ben poco perché sta precedendo una massiccia irruzione di aria fredda o addirittura gelida che dal Canada si spingerà in poco più di 24 ore verso sud fino a Utah e Colorado, lambendo anche i settori meridionali dei Four Corners (Arizona e New Mexico).

A comandare questa potente irruzione gelida, denominata in zona 'Winter Storm Aubrey', sarà una profonda depressione che si sgancerà dal territorio canadese portandosi verso i Plains, dal cui centro si dipartirà una perturbazione sospinta dalle gelide correnti settentrionali che provocheranno l'arrivo della neve anche a quote basse sulle Montagne Rocciose. Per fare un esempio, a Denver si perderanno circa 30°C entro giovedì sera con la colonnina che scenderà anche sotto lo zero favorendo la trasformazione della precipitazione da pioggia a neve.

Sugli stati nordoccidentali degli USA si raggiungeranno temperature ancora inferiori, anche oltre i -15°C giovedì nello stato del Montana, al confine con il Canada. Venerdì il vortice si sposterà verso est in direzione dei Grandi Laghi e sul suo bordo sinistro l'afflusso gelido si riverserà fin sulle pianure del Midwest con nevicate sugli stati del Dakota. Più ad est invece lo scontro tra l'aria gelida in arrivo dal Canada e quella calda preesistente sarà causa di forti piogge e temporali che attraverseranno il Midwest da ovest ad est, anche accompagnati da alcuni tornado.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati