16 settembre 2020
ore 14:58
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 36 secondi
 Per tutti
L'uragano Sally si avvicina all'Alabama (Foto di Tyler Fingert via Twitter)
L'uragano Sally si avvicina all'Alabama (Foto di Tyler Fingert via Twitter)

L'uragano Sally è diventato di categoria 2 e indugia ad effettuare il landfall sulla costa statunitense del Golfo del Messico, pur trovandosi ormai di fronte e segnando il passo con il suo occhio a poco più di 10km dalla Baia di Mobile. Intorno al suo centro i venti raggiungono i 170km/h, mentre piogge torrenziali si stanno scaricando sulle coste dell'Alabama, del Mississippi e della Florida nordorientale. Sembra invece venire graziata la Louisiana, in un primo momento data come probabile area di landfall di Sally.


Nelle prossime ore Sally si sposterà molto lentamente verso nordest e avrà modo di soffermarsi poco oltre la costa tra Alabama e Florida nordorientale con piogge alluvionali, venti fino a 130km/h e mareggiate che insisteranno sulle zone costiere provocando erosioni anche pesanti del litorale. I grandi quantitativi d'acqua che si accumuleranno provocheranno probabili inondazioni e pesanti allagamenti tra i due stati, tanto che il livello dell'acqua potrebbe salire anche di due o tre metri su alcune zone.


Sono in corso evacuazioni dai settori più a rischio, ma non tutti i cittadini stanno rispettando l'obbligo di lasciare le proprie abitazioni. Chi ha la possibilità di spostarsi su piani più alti opta per questa soluzione, nonostante i pericoli a cui potranno andare incontro e il rischio di rimanere isolati per più giorni.


La buona notizia è che da giovedì Sally accelererà la sua marcia verso nordest e abbandonerà con il suo centro la costa ed i primi entroterra di Alabama e Florida per inoltrarsi verso il settore orientale dell'Alabama e la Georgia, depotenziandosi fino a semplice depressione tropicale, non ricevendo più alimentazione dalle calde acque del Golfo. Sarà comunque in grado di dar luogo a piogge ancora di forte intensità, anche se non più di quella tipica dell'uragano.

La rotta prevista di Sally (Fonte: National Hurricane Center)
La rotta prevista di Sally (Fonte: National Hurricane Center)

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati