19 agosto 2022
ore 23:56
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 45 secondi
 Per tutti

Non sarà un weekend da manuale, considerato il periodo ancora pienamente estivo ma non andrà nemmeno tanto male per gran parte della Penisola, tenuto conto che usciremo dalla grave fase di maltempo che ha dato scacco matto all'estate su mezza Italia. Due gli elementi da considerare, la persistenza di una circolazione fresca e instabile a nord delle Alpi e sull'Europa orientale, che potrebbe insistere anche a inizio settimana e l'estensione non troppo decisa dell'anticiclone delle Azzorre dal vicino Atlantico. l'Italia resta quindi in un limbo pressorio che vedrà ancora qualche piovasco ma non sarà diffuso.

Nella giornata di sabato le infiltrazioni instabili riguarderanno essenzialmente l'arco alpino con annuvolamenti e qualche piovasco sulle zone alpine e prealpine centro orientali. Alta Lombardia, Trentino, Dolomiti Venete e Friuli vedranno una certa variabilità e qualche isolata pioggia, generalmente non intensa. Un po' di variabilità ma più che altro diurna interesserà anche le zone interne e montuose delle regioni centro meridionali ma eventuali piovaschi saranno solo isolati e di breve durata. Per il resto della Penisola sole prevalente. Ci sarà però vento teso di maestrale, anche forte in Sardegna e i mari saranno mossi o molto mossi. Le temperature saranno nel complesso gradevoli con caldo normale senza eccessi.

Nella giornata di domenica avremo a che fare con infiltrazioni fresche dall'Europa orientale, figlie dello stesso vortice che ha portato maltempo sull'Italia in questi giorni. Riguarderanno le regioni meridionali con annuvolamenti irregolari sulla Puglia, la Calabria e le zone interne dell'Appennino. Qui si potranno avere dei piovaschi, anche a carattere temporalesco che localmente potranno sbordare sulla costa tirrenica tra la bassa Campania e l'alta Calabria. Sul resto della Penisola nulla da segnalare eccetto qualche raro piovasco pomeridiano sull'Appennino laziale e abruzzese. Anche in questa giornata avremo venti tesi di Maestrale, che potranno essere forti lungo l'Adriatico. Di conseguenza mari ancora mossi o molto mossi. Le temperature non subiranno variazioni significative mantenendosi entro le medie.


Seguici su Google News


Articoli correlati