5 gennaio 2012
ore 11:25
di Fabio Da Lio
tempo di lettura
1 minuto, 12 secondi
 Per tutti
Se si risvegliasse, il vulcano esploderebbe come il Pinatubo nel 1991
Se si risvegliasse, il vulcano esploderebbe come il Pinatubo nel 1991
Un vulcano in Germania, nei pressi di Bonn, potrebbe esplodere da un momento all'altro. Stiamo parlando del possibile risveglio dell'enorme vulcano Laacher See. Nascosto sotto il pacifico lago da cui ne prende il nome, il vulcano erutta mediamente ogni 10/12mila anni; calcolando che l'ultima attività dello stesso risale all'incirca a quasi 13mila anni fa, l'ipotesi di un suo risveglio non appare così remota. A lanciare l'allarme è stato un gruppo di esperti, dopo una serie di segnali giunti da quella zona, tra cui uno sciame sismico che si è avuto negli ultimi mesi. Vista l'ubicazione del vulcano, se questo si dovesse risvegliare potrebbe portare conseguenze devastanti, con imponenti evacuazioni di massa ed un sensibile raffreddamento globale dovuto all'oscuramento del sole per via della nube di cenere presente in atmosfera.  

Gli effetti potrebbero farsi sentire anche al di fuori dei confini tedeschi, in base alla prevalente direzione delle correnti in quota, interessando così capitali europee come Parigi o Londra, ma anche tutta l'Italia settentrionale non verrebbe risparmiata. Sempre secondo gli studiosi, se il vulcano dovesse risvegliarsi potrebbe espellere miliardi di tonnellate di magma e ceneri, con una potenza quasi simile a quella del vulcano Pinatubo (Filippine), che nel 1991 fece registrare la più potente eruzione vulcanica del ventesimo secolo. Stiamo parlando ovviamente di una remota possibilità, comunque da non sottovalutare...   
Il lago di Laacher See, con sotto il vulcano
Il lago di Laacher See, con sotto il vulcano
La posizione del vulcano, nei pressi di Bonn
La posizione del vulcano, nei pressi di Bonn

Seguici su Google News


Articoli correlati

3BMeteo si veste di rosa

×