25 agosto 2019
ore 9:51
di Carlo Migliore
tempo di lettura
48 secondi
 Per tutti

Sarà certamente capitato a molti di voi di sentire il "famoso" rumore del mare appoggiando una conchiglia all'orecchio. Vi siete mai chiesti l'origine di questo fenomeno? In realtà, si tratta di un'illusione acustica: la conchiglia infatti funziona come una cassa di risonanza amplificando e distorcendo tutti i rumori ambientali. Come funziona? 

Il soffio di vento che si insinua tra l'orecchio e la conchiglia e i rumori dell'ambiente circostante, fanno vibrare l'aria contenuta nella cavità della conchiglia, provocando un'eco. Il carbonato di calcio che costituisce il guscio è infatti un materiale duro, sul quale le onde sonore rimbalzano più volte e le pareti della conchiglia fungono da cassa di risonanza. Ciò fa sì che il suono venga distorto e ripetuto, dando l'illusione di ascoltare un fruscio che assomiglia molto alla risacca del mare. In realtà qualunque oggetto cavo, produrrebbe lo stesso effetto, anche una semplice tazza da latte.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati