26 maggio 2023
ore 8:11
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 49 secondi
 Per tutti

Salvaguardare l'acqua nel mondo, specialmente quella potabile, significa salvaguardare la vita. Un concetto che per il futuro dell'umanità è diventato imprescindibile. Anche se ne siamo circondati, vi stupireste nell'apprendere che la percentuale di acqua utile per l'esistenza biologica delle specie vegetali, umane e animali è piccolissima rispetto alla sua quantità totale. L'aumento della popolazione e delle attività umane ha fatto aumentare la sua domanda del 600% negli ultimi 50 anni, quindi deve essere compiuto ogni sforzo possibile per risparmiarla e se possibile ottenerla in modo sostenibile

Sono già alcuni decenni che in certe zone aride del pianeta come i deserti peruviani si utilizzano degli stratagemmi per catturarla dall'umidità dell'aria o dalla nebbia con delle particolari reti che ne favoriscono la condensazione. Ma recentemente una scoperta potrebbe rivoluzionare questo settore ancora in sviluppo. Analizzando le piume di un uccello, la Pernice del Deserto (Pterocles orientalis) i ricercatori del MIT e della Johns Hopkins University si sono accorti che a differenza delle normali piume, solitamente impermeabili, queste qui hanno una straordinaria capacità di catturare l'acqua e di trattenerla. Il volatile può raccogliere fino al 15% del suo peso corporeo di acqua e trasportarlo lontano per dissetare la propria prole volando anche ad alta velocità. Con l'aiuto di microscopi elettronici si è scoperta la struttura che consente a queste piume di avere questa particolare caratteristiche. Una forma a uncino con una resistenza e una aerodinamicità eccezionali.

L'imitazione di questa struttura con delle stampanti 3d promette di creare una nuova tecnologia da applicare dalle reti per la cattura e il trattenimento dell'acqua dall'umidità presente nell'aria nelle zone desertiche del pianeta. 

Un'altra possibile applicazione potrebbe essere la progettazione di una bottiglia d'acqua che può contenere una grande quantità di liquido ma che si basa sulla struttura delle piume per impedire all'acqua di muoversi durante, ad esempio, una sessione di jogging. Ancora una volta ci viene incontro la Bionimetica, ovvero quella disciplina che studia e imita i processi biologici naturali come fonte di ispirazione per il miglioramento delle attività umane.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati