24 febbraio 2018
ore 11:44
di Carlo Migliore
 Per tutti

Nelle profondità della miniera Mozumi, nei pressi della città giapponese di Hida nella provincia di Gifu, c'è un enorme serbatoio di acciaio inossidabile alto 41,4 metri e con un diametro di 39,3 metri. La struttura è parte di uno dei più grandi laboratori per l'osservazione dei neutrini, l'Osservatorio Kamioka, diretto dall'Università di Tokyo attraverso il suo Istituto per la ricerca dei raggi cosmici.

Osservatorio Kamioka, ICRR, Institute for Cosmic Ray Research, The University of Tokyo
Osservatorio Kamioka, ICRR, Institute for Cosmic Ray Research, The University of Tokyo


Il gigantesco cilindro è sepolto sotto la montagna Ikeno-yama (1.369 metri) a circa mille metri dalla sua sommità e negli anni, grazie ai numerosi esperimenti organizzati nei laboratori dell'Osservatorio, ha permesso di dare un contributo fondamentale per la comprensione di come funziona la fisica delle particelle, in particolare per quanto riguarda i neutrini.

Altra foto dell'immenso osservatorio
Altra foto dell'immenso osservatorio

Il primo esperimento per indagare la stabilità della materia (studiando la teoria del decadimento del protone, la particella elementare che assieme al neutrone costituisce il nucleo di un atomo) fu organizzato agli inizi degli anni Ottanta con la realizzazione del Kamiokande (Kamioka Nucleon Decay Experiment), un rilevatore costituito da un cilindro più piccolo di quello attuale, che si chiama Super-Kamiokande. Realizzato negli anni Novanta, ha consentito di confermare la teoria secondo la quale in determinate circostanze i neutrini mutano.

Articoli correlati

Scarica la nostra app ufficiale!

Commenti