6 giugno 2012
ore 12:05
di Francesco Nucera
 Per tutti
Spanish Plume: caldo al Sud, temporali al Nord
Spanish Plume: caldo al Sud, temporali al Nord
Sud nella bolla calda, Nord che ancora una volta vedrà un week-end maledetto sul fronte meteo. Qui infatti ancora un fine settimana con rovesci e temporali. Zone più a rischio la cerchia alpina ma anche le pianure a Nord del Po. Le Alpi rappresentaNO una immaginaria linea di confine tra masse D'aria dalle caratteristiche diverse. Aria fredda polare a nord, quella più calda sub tropicale a Sud. Sarà proprio quest'ultima ad avere un ruolo importante sui fenomeni.

La Spanish Plume. Il flusso d'aria che scorre sottovento la saccatura proviene dalle latitudini sub tropicali e dopo aver pettinato la Penisola Iberica raggiunge le nostre regioni. Proprio per il passaggio sull'altopiano della Spagna viene battezzatta Spanish Plume. Si tratta di aria molto calda e secca in origine e che ha come caratteristica il fatto che la temperatura diminuisce rapidamente con la quota. Questo  determina aumento dell'instabilità potenziale (presenza di un Cape abbastanza “tozzo”), energia a disposizione molto importante per i temporali. Ma tutto ciò dipende anche da quanta umidità è disponibile nei bassi strati. Quando l'aria più fredda in quota si approssima a questo strato si creano le premesse per la genesi temporalesche. Dal momento che queste caratteristiche non sono locali ma ricoprono un'area più grande, i temporali si possono raggruppare in sistemi più o meno organizzati (specie quando lo shear offre un buon tiraggio)  e dar luogo a intense precipitazioni spesso accompagnate da grandine. La nostra illustrazione mostra dove sono le maggiori probabilità nel fine settimana.
Articoli correlati

Scarica la nostra app ufficiale!

Commenti