19 gennaio 2022
ore 23:29
di Gaetano Genovese
tempo di lettura
1 minuto, 42 secondi
 Per tutti

GIORNI DELLA MERLA, TRA TRADIZIONI E CREDENZE POPOLARI - I giorni della merla (per tradizione: 29, 30 e 31 gennaio) ed altre "date clou" legate alla calendarizzazione della meteorologia, soventemente, non soddisfano le attese. Molto spesso invece, tali ricorrenze o proverbi, vengono smentiti da condizioni meteorologiche diametralmente opposte. La causa di ciò, è da ricercare nella definizione stessa di atmosfera: essa è un sistema caotico e pertanto non si comporta allo stesso modo durante gli anni.

SITUAZIONE - Il bacino del Mediterraneo, durante le ultime settimane è stato sede di una ben strutturata figura di alta pressione che ha caratterizzato le vicende meteorologiche anche sul nostro Paese. Giornate soleggiate, freddo pungente di notte ed al primo mattino, mitezza nelle ore diurne, foschie dense e nebbia nelle valli e sulle pianure, sole pieno in collina e sulle nostre montagne, condizioni meteo che si sono susseguite per giorni sulle nostre regioni, a sfavore delle nevicate, tanto attese in questo periodo dell'anno, ma sempre più latitanti. 

I GIORNI DELLA MERLA 2022, COSA ATTENDERSI ? - Un cambio di rotta, seppur temporaneo, è atteso durante il prossimo weekend, quando correnti fredde in arrivo dall'artico, faranno calare di diversi gradi le temperature, da nord a sud. Le nevicate si faranno ancora attendere: la massa d'aria in arrivo in seno ad una profonda saccatura, stazionerà perlopiù sul comparto orientale dell'Europa, interessando solo marginalmente le nostre regioni. Tale schema sinottico, si riproporrà anche durante la prossima settimana, quando l'Italia si troverà al confine tra il campo anticiclonico ad ovest ed il grande freddo ad est. Sul finire del mese, le odierne emissioni modellistiche, intravedono una maggiore ingerenza del freddo, specie sulle regioni del medio e basso versante adriatico e sulle regioni meridionali con possibili nevicate fino alle basse quote. Tale scenario è molto incerto e vista l'elevata distanza temporale, necessita di ulteriori approfondimenti ed aggiustamenti. Pertanto vi invitiamo a seguire tutti i prossimi aggiornamenti. 


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati