30 ottobre 2020
ore 23:55
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 22 secondi
 Per tutti

2-8 NOVEMBRE. Il rinforzo del vortice polare contribuisce ad avere anomalie positive di geopotenziale a 500 hPa ma anche di pressione al suolo su gran parte dell'Europa e sul vicino Atlantico. Ne consegue un clima piuttosto secco per molte Nazioni, eccetto per il settore di Sud Ovest e per l'Europa nord orientale. Dopo il passaggio della perturbazione al Nord le condizioni meteo volgono verso una maggiore stabilità sull'Italia con temperature sopra le medie del periodo. Infiltrazioni di aria fresca sono invece attese lambire il Sud Italia sul bordo orientale dell'anticiclone in rinforzo sulla Mitteleuropa.

9-15 Novembre. Anomalie positive di geopotenziale maggiori a 500 hPa sono attese sul centro nord Europa ma rimangono positive anche sull'area del Mediterraneo. Secondo questo scenario l'anticiclone continuerebbe a dominare diverse Nazioni, Italia compresa, con tempo stabile e clima diurno mite. Tuttavia infiltrazioni di aria fresca verso i Balcani meridionali e l'Egeo agirebbero al Sud con un tempo più variabile.

16-22 NOVEMBRE: Il grado di confidenza per questo periodo risulta basso ma secondo queste indicazioni ci potrebbe essere uno smantellamento dell'anticiclone europeo a favore di uno nord atlantico. Ne conseguirebbe una maggiore dinamicità del tempo in Europa con aumento della piovosità. Anche l'Italia potrebbe beneficiare degli effetti di qualche perturbazione.

23-30 NOVEMBRE. Grado di confidenza molto basso per l'Europa. Tuttavia le indicazioni su questa settimana lasciano intravedere il rafforzamento di un blocco sulla Groenlandia. Di contro le anomalie negative di geopotenziale sarebbero presenti sulla Scandinavia. Possibile aumento della dinamicità del tempo in Europa con calo termico.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati