21 giugno 2020
ore 23:55
di Luca Pace
tempo di lettura
1 minuto, 1 secondo
 Per tutti

GOCCIA FREDDA NEL CUORE DELL'EUROPA DA METÀ SETTIMANA - Si tratta di una dinamica labile, che necessiterà ancora di ulteriori conferme, ma le ultime emissioni modellistiche sembrano confermare una seconda parte di settimana più movimentata, con una goccia fredda che dalla Scandinavia si porterà a metà settimana nel cuore dell'Europa, influenzando in parte anche la nostra Penisola.


ECCO LE POSSIBILI CONSEGUENZE SULL'ITALIA - Se tale dinamica venisse confermata, a risentirne maggiormente sarebbero le regioni del Nord Italia, in particolare quelle del Triveneto. Da giovedì, quindi, rovesci e temporali potrebbero tornare a interessare la fascia alpina e prealpina, con locali sconfinamenti non esclusi anche sui settori di pianura. Il tutto accompagnato da una lieve flessione delle temperature, che tuttavia rimarranno ovunque tipicamente estive.
Decisamente più contenute le conseguenze per le regioni centro-meridionali dove, fatta eccezione per qualche temporale diurno sui rilievi appenninici, anche la seconda parte di settimana dovrebbe vedere la prevalenza di tempo stabile e soleggiato, con caldo in graduale intensificazione: un po ovunque infatti le massime dovrebbero andare oltre i 30°C, con punte vicine ai 34-35°C al Sud e sulle due Isole maggiori.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati