8 maggio 2020
ore 23:50
di Edoardo Ferrara
tempo di lettura
2 minuti, 14 secondi
 Per tutti

TENDENZA METEO MEDIO TERMINE, 12-17 MAGGIO - A livello europeo assisteremo a pressioni e geopotenziali superiori alla media tra Mediterraneo centro-orientale e Balcani, dove di fatto dovrebbe consolidarsi un campo anticiclonico a matrice africana. Su queste aree è attesa la prima seria ondata di caldo africano del 2020, con punte anche di oltre 35°C. Situazione diametralmente opposta su Europa nord orientale e Scandinavia, sede di una circolazione ciclonica piuttosto fredda, che andrà ad alimentare una circolazione di bassa pressione secondaria tra Francia e Spagna, dove si prevede una settimana decisamente instabile e temporalesca. Per quanto riguarda l'Italia ci attendiamo tempo a tratti instabile e temporalesco al Nord, più direttamente coinvolto dal canale depressionario che andrà instaurandosi tra Scandinavia, Europa centrale e Spagna. Per contro il Centrosud dovrebbe rimanere protetto dall'anticiclone africano, ma con la prima seria ondata di caldo specie sulle regioni meridionali. Al Centro infatti il tempo dovrebbe tendenzialmente guastarsi entro il 15-16 maggio con calo termico. Temperature ben sopra la media al Sud, in misura minore ma comunque sopra la media anche al Centro e in modo più contenuto al Nord.

Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra l'11 e il 17 maggio secondo il modello ECMWF
Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra l'11 e il 17 maggio secondo il modello ECMWF

TENDENZA METEO LUNGO TERMINE, 18-24 MAGGIO - Secondo gli ultimi aggiornamenti dovremmo assistere a un radicale cambio di assetto barico in Europa. In primis l'anticiclone africano su Mediterraneo orientale e Balcani dovrebbe essere smantellato o quantomeno indebolito. Nel contempo l'anticiclone delle Azzorre dovrebbe espandersi su Mediterraneo occidentale e Penisola Iberica (sostanzialmente una situazione opposta rispetto alla settimana precedente), per poi puntare verso il Nord Europa. In questa fase l'Italia si troverebbe così 'scoperta' a correnti più fresche da Nord-Nordest con tempo spiccatamente variabile, a tratti instabile, associato ad acquazzoni e temporali sparsi, pur alternati a fasi più assolate. I fenomeni sarebbero possibili un po' su tutto lo Stivale, ma in particolare su Alpi, Prealpi, Nordest, Appennino, versante adriatico e basso versante tirrenico. Il caldo africano dovrebbe essere spazzato via da tutto il Centrosud, con clima generalmente più fresco ovunque, specie sul versante adriatico. 

Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra il 18 e il 24 maggio secondo il modello ECMWF
Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra il 18 e il 24 maggio secondo il modello ECMWF

TENDENZA METEO LUNGO TERMINE, 25-31 MAGGIO - Sull'Italia non vi sarebbe una figura barica predominante. Tendenzialmente gran parte dell'Europa occidentale, Isole Britanniche comprese, dovrebbero assistere alla frequente presenza degli anticicloni, contestualmente a pressioni e geopotenziali inferiori alla media sull'Europa orientale. Italia nel limbo con correnti mediamente settentrionali: tempo dunque tendenzialmente più stabile rispetto alla settimana precedente, ma non del tutto, con ancora qualche acquazzone o temporale a tratti possibile. Evoluzione che necessita di conferme, seguite tutti gli aggiornamenti. 

Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra il 25 e il 31 maggio secondo il modello ECMWF
Anomalie di geopotenziale a 500hPa attese in Europa tra il 25 e il 31 maggio secondo il modello ECMWF

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati