15 gennaio 2019
ore 20:00
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 28 secondi
 Per tutti

Forte scossa di terremoto registrata poco fa alle ore 00.03 in Emilia Romagna vicino Ravenna con epicentro sulla costa a circa 10km dalla città. Il sisma valutato di magnitudo 4.6 ha avuto una profondità ipocentrale di 25km (profondo) ed è stato per questo avvertito in gran parte dell'Emilia Romagna fino a Forlì Cesena e Rimini ed anche oltre. Molte chiamare ai vigili del fuoco anche da Cervia, Alfonsine, Lugo, Russi, Faeanza. Segnalazioni anche dalle Marche e dal Veneto nonché dalla Toscana. La profondità ipocentrale ha in parte attutito l'onda sismica che è arrivata in superficie abbastanza smorzata, per questo motivo i danni sono stati lievi ma un terremoto di magnitudo 4.6 superficiale, ad esempio con un ipocentro inferiore ai 5km di profondità sarebbe stato in grado di causare danni anche rilevanti Alle ore 00.29 è seguita una replica di magnitudo 3.0 e successivamente ci sono stati altri eventi di intensità minore con epicentri poco distanti da quello della scossa principale. 

Contrariamente a quello che si può pensare la costa centro meridionale dell'Emilia Romagna presenta una pericolosità sismica medio alta. La sismicità storica non riporta per quel particolare epicentro eventi simici significativi, tuttavia nelle immediate vicinanze si sono verificati terremoti con una magnitudo anche superiore a 5.0. Se si osserva, invece, la storia sismica della città di Ravenna, vale a dire tutti i risentimenti avuti in città ricavabili dalle fonti documentarie, si nota che sono riportati diversi terremoti che hanno prodotto intensità macrosismiche pari o superiori al 6° grado MCS, quindi assolutamente in grado di provocare danni agli  edifici. La massima intensità storica, pari al 7-8 grado MCS, si è avuta in occasione del terremoto del 22 giugno 1620.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati