9 novembre 2013
ore 7:20
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
2 minuti, 18 secondi
 Per tutti
Almeno 100 vittime accertate
Almeno 100 vittime accertate
Dopo la grande paura per il passaggio di uno tra i tifoni più forti della storia, si iniziano a contare i danni nelle Filippine, specie sul comparto centrale, quello più duramente colpito dalle piogge torrenziali e dai venti distruttivi. Secondo fonti locali il suo passaggio ha inflitto danni notevoli, uccidendo almeno 100 persone, scoperchiato migliaia di case e distrutte altrettante.
Più di 100 persone risultano ferite nella sola città di Tacloban, sull’Isola di Leyte, una tra le più colpite dalla furia del tifone. Secondo fonti locali la maggior parte delle case di Tacloban risultano danneggiate o distrutte, a causa dei venti sino a 175 km/h, piogge torrenziali ed onde alte sino a 5-6 metri.

Circa 750.00 persone hanno lasciato le proprie abitazioni, rendendo così meno drammatico il bilancio dei feriti e delle vittime, che tuttavia è destinato ad aumentare notevolmente con il passare delle ore.
Partita immediatamente la macchina dei soccorsi che vede l’esercito impegnato nelle operazioni di ricerca e soccorso, che tuttavia sono rese difficoltose dalle strade allagate, dalle numerose frane e dagli innumerevoli alberi abbattuti. Le comunicazioni restano interrotte in molti parti del Paese, mentre migliaia di case restano ancora al buio.


Secondo i primi dati ufficiali il Tifone HAIYAN/YOLANDA avrebbe colpito la terraferma con venti a circa 235 km/h e raffiche a 275 km/h, paragonabile ad un Uragano di Categoria 4 o molto vicino alla Categoria 5, generando ben 6 landfall. Ricordiamo che gli Uragani, i Cicloni tropicali ed i Tifoni sono la stessa cosa, vengono così denominati solo per differenziare le diversi parte del mondo in cui si formano.

Al momento HAIYAN ( YOLANDA ) non è più un Super Tifone ( STY ), in quanto indebolito durante il suo rapido passaggio sul Mare delle Filippine occidentale ed il Mare della Cina meridionale. Rimane tuttavia di forte intensità, con venti a 230 km/h in prossimità del centro che lo rendono un tifone di categoria 4.  Si trova a circa 330 km a ovest -nord-ovest di Coron, Palawan o 290 km a ovest -nord-ovest di El Nido, Palawan, muovendosi molto rapidamente verso ovest /ovest -nord-ovest ad una velocità di ben 31 km/h.
Rimane altresì un ciclone tropicale di medie dimensioni, con un diametro di circa 835.

PREVISIONI- il TY Haiyan si muoverà in direzione ovest-nord-ovest entro le prossime 24 ore, virando poi nelle successive 24 in direzione nord-ovest. Domenica mattina, il potente tifone si avvicina alle zone costiere del Vietnam centrale, generando landfall lungo la parte centro settentrionale del Vietnam. Continuerà a perdere energia declassando sino a tempesta tropicale al suo arrivo sulle coste del Vietnam.
Immagine da satellite
Immagine da satellite
Traiettoria prevista
Traiettoria prevista

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati