Situazione Maltempo Veneto, Emilia e Toscana: Bacchiglione esonda a Vicenza

ultima ora

11 novembre 2012
ore 13:00
Situazione a Solagna (VI), Brenta esondatoSituazione a Solagna (VI), Brenta esondatoVENETO - Forte maltempo sulle aree pedemontane e prealpine di Veneto e Friuli, con situazioni di preallerta per la piena di alcuni fiumi e torrenti. Esondato il Bacchiglione a Vicenza, dove il sindaco della città ha dichiarato lo stato di preallarme. Il livello del fiume infatti è in rapida crescita e le forti piogge che cadono a monte della città (fino a 180mm dalla mezzanotte) hanno spinto il primo cittadino a comunicare alla popolazione di mettere in sicurezza cose e persone dalle zone ritenute più a rischio e dai piani bassi delle abitazioni. Esonda in alcuni punti anche il fiume Brenta tra Solagna e Valstagna, sempre nel Vicentino. 

EMILIA - Intanto sull'Emilia occidentale il fiume Parma nel corso delle ultime 12 ore ha fatto salire i suoi livelli idrometrici fino a 3 metri d'altezza, tanto che la Protezione Civile ha attivato la fase di preallarme nei comuni di Parma e Torrile. Le abbondanti piogge cadute infatti sui crinali appenninici nella notte e durante la mattinata hanno di fatto ingrossato le acque di numerosi corsi d'acqua della zona.  

TOSCANA - Situazione pericolosa anche sull'alta Toscana, tra le province di Massa-Carrara e Pisa. A Pisa strade allagate ed ampie zone della città prive di elettricità. Decine sono stati gli interventi dei Vigili del Fuoco, con sottopassi allagati e la rete fognaria che fatica a ricevere la grande quantità d'acqua caduta. Piove abbondantemente sul bacino del Serchio. Frane tra Massa e Carrara, con torrenti esondati. Caduti dalla mezzanotte fino a 240mm a Carrara città.Esonda il Bacchiglione a Vicenza, via FusinieriEsonda il Bacchiglione a Vicenza, via FusinieriSituazione a CarraraSituazione a CarraraCaduti fino a 240mm tra Massa e CarraraCaduti fino a 240mm tra Massa e Carrara
Segui @3BMeteo su Twitter

Scarica la nostra app ufficiale!


Commenti



Newsletter

Iscriviti alla newsletter regionale

iscriviti/modifica/rimuovi