4 dicembre 2022
ore 23:46
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 46 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

AGGIORNAMENTO ORE 15. NUOVO FRONTE IN ARRIVO SULLE ALPI OCCIDENTALI. La seconda perturbazione della serie ha ormai raggiunto le Alpi occidentali del Piemonte e sono riprese le precipitazioni su Alpi Cozie, Marittime e Liguri. I fiocchi cadono nel pomeriggio di domenica su località come Sestriere, anche se al momento a partire da quote più elevate rispetto a sabato e il limite pioggia-neve oscilla ora intorno ai 1200/1300m.

AGGIORNAMENTO ORE 13,30. NEVE IN INTENSIFICAZIONI SULLE ALPI ORIENTALI. La perturbazione ha mollato la presa sulle Alpi occidentali in mattinata dove i fenomeni sono andati esaurendosi. Si sono intensificate però le nevicate sui rilievi del Nordest, con i fiocchi che si spingono fino a quota 800m circa sul Friuli VG e imbiancano il Tarvisiano.

Nel seguente video neve a Tarvisio:

AGGIORNAMENTO ORE 9,30. Continua a nevicare sull'arco alpino, dopo le precipitazioni che sabato sono state anche abbondanti su quello occidentale. La giornata di domenica vede l'estensione dei fenomeni verso est, fino al settore orientale, mentre proseguono intensamente sull'alto Piemonte. La quota neve oscilla intorno ai 1000/1200m, ma in Valle d'Aosta i fiocchi hanno fatto una breve comparsa fin sul fondovalle.

PIEMONTE, FINO A 80CM IN VAL SESIA. Mentre sulle valli cuneesi le nevicate si sono esaurite, dopo le abbondanti precipitazioni di sabato, ora i fenomeni più intensi si stanno concentrando sull'alto Piemonte e in particolare sul Verbano. Nevica incessantemente sulle località della Val sesia e lo spessore di neve fresca raggiunge gli 80cm alla quota di 1800m, registrati ad Alpe di Mera. Le temperature sono in risalita rispetto a sabato e con esse anche la quota neve, oscillante ora tra 800 e 1000m.

Alpe di Mera
Alpe di Mera

VALLE D'AOSTA, ALMENO 40CM SULLA ZONA DEL ROSA. La mattinata di domenica vede una attenuazione delle nevicate sulle vallate centro-occidentali della regione, mentre i fenomeni proseguono su quelle centro-orientali ed in particolare sulla zona del Monte Rosa. Qui si registrano almeno 40cm di neve fresca caduti in questa fase perturbata, così come nella valle di Champorcher, con le nevicate che continuano incessanti. Accumuli leggermente inferiori sulle vallate centrali, intorno ai 20/30cm a 2000m, inferiori più ad ovest. Fiocchi segnalati in mattinata fin sul fondovalle.

NEVE SU ALPI CENTRO-ORIENTALI. La perturbazione ha esteso i suoi effetti verso est coinvolgendo anche i settori alpini lombardi, seppur con limite delle nevicate in rialzo a 1400/1500m. Deboli nevicate interessano anche il Trentino e l'Alto Adige con quota neve che oscilla tra i 140071500m verso il confine veneto e i 900/1000m verso i confini austriaci, dove però i fenomeni sono più deboli. Quota neve intorno a 1100/1400m sulle Dolomiti.

PROSSIME ORE. Continuerà a nevicare in giornata sulle Alpi centro-orientali a partire dai 1200/1500m, anche se in serata si andrà verso un'attenuazione dei fenomeni. Fenomeni che invece si attenueranno sull'arco alpino occidentale, in attesa di una loro recrudescenza in serata, quando giungerà una nuova perturbazione. Riprenderà a nevicare quindi in Piemonte e Valle d'Aosta a partire dai 1200/1300m, con fenomeni in successiva estensione alle Alpi lombarde. Sull'Appennino Tosco-Emiliano un po' di neve in serata a partire dai 1700m.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati