16 febbraio 2021
ore 12:38
di Edoardo Ferrara
tempo di lettura
1 minuto, 49 secondi
 Per tutti
Tendenza meteo per la prima parte della prossima settimana
Tendenza meteo per la prima parte della prossima settimana

TENDENZA METEO, KO ALL'INVERNO NEI PROSSIMI GIORNI, DAL WEEKEND SUPER ANTICICLONE - Se nei prossimi giorni la rimonta dell'alta pressione sarà comunque disturbata da umide correnti atlantiche, anche gli ultimi aggiornamenti modellistici delineano una seconda e ben più potente ascesa dell'anticiclone dal prossimo fine settimana. L'affondo di una saccatura atlantica fin sulle Canarie solleciterà la risposta anticiclonica che dal Nord Africa protenderà un vasto cuneo direttamente fin sul cuore dell'Europa centrale. Almeno nella prima parte della prossima settimana (22-25 febbraio), l'anticiclone potrebbe davvero essere 'super', gonfiandosi a dismisura come una enorme bolla mite che ingloberà gran parte dell'Europa centro-meridionale. 

RESIDUE NOTE INSTABILI NEL WEEKEND, POI STABILITA' ASSOLUTA - Ad oggi si prospetta dunque un weekend in prevalenza stabile e soleggiato su gran parte d'Italia, salvo maggiore variabilità all'estremo Sud dove non si esclude qualche fugace precipitazione, per via di una blanda depressione sullo Ionio. La prossima settimana invece dovrebbe vedere stabilità assoluta su tutta la Penisola almeno nella prima parte. 

Meteo Italia: la situazione prevista nel weekend
Meteo Italia: la situazione prevista nel weekend

ASSAGGIO DI PRIMAVERA, STOP AL FREDDO - Già nei prossimi aggiorni assisteremo ad un progressivo rialzo delle temperature, ma dal weekend e soprattutto la prossima settimana si potrebbe avere un vero e proprio assaggio di primavera. Sulle pianure interne lontane dal mare e soprattutto lungo il versante tirrenico si potrebbero superare diffusamente i 15-16°C diurni, con punte di 18-20°C; mite anche in montagna, sia su Alpi che Appennino, con punte di oltre 13-14°C a 800-1000m. Farà più freddo lungo le coste, specie adriatiche e ioniche, sia per presenza del mare freddo ma anche per residue correnti nord orientali dai Balcani. Il freddo verò però sarà ben lontano dalla nostra Penisola, al più 'incastrato' nelle valli alpine e appenniniche dove si farà marcata l'inversione termica notturna. 

QUANTO POTREBBE DURARE - Ad oggi è presto entrare in ulteriori dettagli, è possibile che la bolla anticiclonica mite possa sgonfiarsi dopo il 25-26 febbraio con ritorno di correnti più fredde e instabili, ma su questo punto serviranno ulteriori analisi e aggiornamenti. 


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati