17 maggio 2022
ore 14:43
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 13 secondi
 Per tutti
Piogge alluvionali in India (Immagine di archivio)
Piogge alluvionali in India (Immagine di archivio)

Piogge alluvionali stanno colpendo da almeno tre giorni l'estremo settore nordorientale dell'India, quel lembo che si inoltra a nord del Bangladesh e che raggruppa stati come Manipour, Nagaland, Assam e Manipur. Proprio questi ultime due sono stati quelli più pesantemente coinvolti da piogge torrenziali, con accumuli pluviometrici in soli tre giorni hanno raggiunto localmente i 600mm, 250 dei quali caduti in un solo giorno. Vi sono stati importanti frane e smottamenti, mentre il livello dei corsi d'acqua è cresciuto smisuratamente.


Nello stato di Assam il fiume Barak a Badarpurghat, nel distretto di Cachar, ha raggiunto il livello di 17,14 metri, superando la soglia di guardia fissata in 16,85. Le conseguenze zono state devastanti. Diverse aree sono state allagate, interessando 21000 persone. 70 case sono state distrutte, centinaia danneggiate dalla furia delle acque. I soccorritori sono riusciti a mettere in salvo centinaia di persone nelle aree allagate di Balichara e Borkhola, nel distretto di Cachar, ma tre persone sono morte in una frana nel distretto di Dima Hasao.



Il fiume Kushiyara a Karimganj nel distretto di Karimganj, ha raggiunto il livello di 15,45 metri superando la soglia di guardia di 14,94 metri. Nel confinante stato di Meghalaya le piogge incessanti dal 12 maggio hanno causato inondazioni e frane, provocando la morte di due persone, portando così a cinque il bilancio delle vittime per il maltempo di questi giorni nel nordest dell'India.




Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati