13 giugno 2020
ore 12:08
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 23 secondi
 Per tutti
Immagine satellite Europa di sabato
Immagine satellite Europa di sabato

Con un minimo di circa 1005hPa un insolito e strutturato ciclone si è approfondito in settimana sul Golfo di Biscaglia e si sta spostando nel weekend dalla Normandia alla Cornovaglia. Insolito, viste le sue caratteristiche quasi invernali caratterizzate dall'anticiclone atlantico, totalmente sbilanciato verso le alte latitudini europee, che lascia gran parte dell'Europa centrale e meridionale in balia di circolazioni cicloniche con rovesci, temporali e temperature anche sotto la media.

Intorno al suo centro soffiano venti molto tesi a circolazione ciclonica con raffiche che hanno sfiorato i 100km/h sul Golfo di Biscaglia e dal suo interno si diparte una perturbazione che ha raggiunto i versanti atlantici della Francia dalle prime ore di sabato. Ne è conseguita la ripresa di piogge e rovesci, dopo i fenomeni anche intensi legati al primo fronte transitato tra giovedì e venerdì. Questi hanno interessato diverse zone interne della Francia, innalzando la portata dei corsi d'acqua e provocando allagamenti, come avvenuto nel dipartimento della Lozere, in Occitania e stanno raggiungendo sabato l'Italia a partire dal Nordovest.

La nuova perturbazione già entrata in azione sarà responsabile di diversi rovesci e temporali in giornata su gran parte della Francia, che domani si porteranno verso il centro del Continente coinvolgendo soprattutto la Germania. A seguire un terzo fronte si dipartirà dallo stesso vortice e impegnerà domenica la Francia a partire dalle sponde atlantiche. Nel frattempo però il ciclone inizierà ad indebolirsi e con esso anche l'energia che caratterizzerà il nuovo impulso perturbato, caratterizzato quindi da fenomeni meno intensi rispetto a quelli precedenti.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati