9 gennaio 2020
ore 12:12
di Edoardo Ferrara
tempo di lettura
2 minuti, 5 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO: NEBBIE, GELATE E INQUINANTI ALLE STELLE IN VALPADANA, CADE LA NEVE CHIMICA! - Da ormai diverse ore gran parte della Valpadana è interessata da una spessa e diffusa coltre nebbiosa, indotta dalla persistenza dell'anticiclone e dal ristagno di umidità nei bassi strati. La visibilità risulta così spesso assai ridotta, ma soprattutto si evidenziano marcate inversioni termiche: se infatti in montagna e sulle colline le temperature risultano oltre la media, con valori minimi che talora si mantengono sopra lo zero, in Pianura Padana le temperature risultano diffusamente intorno allo 0°C se non al di sotto, anche abbondantemente: stamattina ritroviamo infatti valori fino a -2°C/-4°C in particolare sulle alte pianure di Lombardia, Veneto e sul Piemonte, con estese brinate e ghiaccio sulla strada ( prudenza alla guida ). L'Inverno di fatto è presente solo nelle aree nebbiose, altrove prevalgono condizioni anticicloniche, secche e relativamente miti per il periodo durante le ore diurne. Sempre nelle aree nebbiose della Vapadana ristangano purtroppo anche elevate concentrazioni di inquinanti ormai da giorni, fatto che, contestualmente alle basse temperature, può favorire locali episodi di neve chimica ( peraltro già segnalati nell'astigiano, tra alto milanese e basso bergamasco ).

COS'E' LA NEVE CHIMICA? Si tratta di una nevicata indotta non dalla presenza di nuvolosità, ma dall'interazione tra l'alta umidità dell'aria unita alle sostanze chimiche/inquinanti emesse dalle fabbriche, che in condizioni anticicloniche come quella attuale ristagnano nei bassi strati aumentandone la concentrazione. I pulviscoli emessi dalla combustione industriale fungono di fatto da nuclei di condensazione, arricchendosi dell'umidità presente nella nebbia fino a costituire i 'semi' della precipitazione; la presenza di temperature anche abbondantemente sottozero favorisce poi la caduta di fiocchi di neve. Non a caso gli eventi di neve chimica più significativi si riscontrano in genere in aree altamente industrializzate della Pianura Padana. Negli anni 90, caratterizzati da lunghi periodi anticiclonici, ci furono non pochi casi di neve chimica sulla Valpadana, con accumuli anche di 4-5cm. Da non confondersi invece con la GALAVERNA, costituita da estesi depositi di ghiaccio/brina indotti dal congelamento della nebbia. 

Per maggiori dettagli consulta le previsioni sulla tua località nelle prossime ore. 

Scopri quando potrebbe esserci un cambiamento meteo: leggi la tendenza medio-lungo termine. 

Leggi anche la tendenza completa per tutto l'Inverno.

Consulta la nostra sezione webcam e satelliti in diretta. 

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati